Skip to content

Toscana – La giunta promette una proroga dei termini per l’accreditamento

E’ stata accolta la richiesta di Uneba Toscana e delle altre organizzazioni di categoria per un rinvio dell’entrata in vigore della nuova normativa sull’accreditamento delle strutture: la legge regionale 82/2009 e il relativo regolamento attuativo del 3 marzo 2010.

Uneba Toscana e le altre rappresentanze avevano presentato argomentazioni e richieste alla commissione Sanità del consiglio regionale, e con le loro posizioni s’erano detti d’accordo sia esponenti del centrosinistra che del centrodestra.

La commissione Sanità ha poi incontrato giovedì 29 luglio i rappresentanti della giunta facendosi unanime portavoce degli enti. E la giunta ha accolto le richieste, impegnandosi per “la proroga di almeno un anno del termine, previsto per il 21 settembre prossimo, per la presentazione della documentazione per l’accreditamento” e” l’insediamento di una commissione tecnica che faccia un monitoraggio degli effetti del provvedimento e che presenti le conclusioni alla Commissione, che a sua volta esprimerà orientamenti su come agire”. Qui il comunicato stampa del consiglio regionale.

“Il presidente della commissione Marco Remaschi – continua il comunicato – ha espresso grande soddisfazione per l’unanimità della richiesta e per il suo accoglimento. ‘E’ un passo importante, che dimostra – ha detto – come si possa lavorare bene e in sintonia. Come consiglieri regionali in questo caso abbiamo fatto il massimo, riuscendo a dare risposta sia agli utenti sia agli operatori, i quali devono essere messi in grado di fornire i servizi con un adeguato standard qualitativo’”.

Soddisfazione per la decisione della giunta è stata espressa anche dal vicepresidente di Uneba Toscana e vicepresidente di Uneba nazionale Carlo Alberto Orvietani.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor