Skip to content

Welfare sanitario aziendale – Infruttuoso l’incontro tra Uneba e sindacati del 3 aprile 2014

Il 3 aprile scorso si sono incontrati a Roma l’Uneba ed i Sindacati nazionali di categoria per definire, ai sensi dell’art. 76 del CCNL in vigore, una forma di assistenza sanitaria integrativa a favore dei lavoratori e delle lavoratrici in servizio presso gli Enti Uneba.

Si è riscontrata, nell’occasione, una notevole discordanza di valutazioni; le varie opzioni sono state di procedere prima, in sede tecnica, ad una comparazione tra i vari piani sanitari esistenti, per poi prescegliere quello migliore ai costi più convenienti, ovvero aderire ad un Fondo esterno precostituito, adottandone quindi automaticamente il piano sanitario, con scelta basata sulla consolidata esperienza del Fondo e sulla sua capacità di dare risposte soddisfacenti ai lavoratori iscritti.

Altre divergenze sono insorte in merito alla compartecipazione economica dei lavoratori, che secondo le organizzazioni sindacali sarebbero tenuti a contribuzione zero, trattandosi di un fondo di natura contrattuale.

Per il momento l’Uneba si è limitata ad escludere decisamente l’ipotesi di dar vita ad un fondo settoriale autonomo, che non avrebbe i numeri necessari all’autosufficienza, confermando tuttavia la propria obbligazione di euro 5 per lavoratore iscritto a partire da aprile 2014.

E’ stato fissato, entro aprile, un nuovo incontro sulla materia: nel frattempo gli Enti dovranno considerare questo elemento di costo di 5 euro come dovuto con decorrenza dalla retribuzione del mese di aprile e come potenzialmente erogabile con arretrati in qualsiasi momento, laddove ne dovesse essere concordata destinazione.

5 Comments

  1. Ma questi. 5euro verranno dati anche nella regione Lombardia?”Lavoratore iscritto”si intende iscritto ai sindacati? Grazie luciana

  2. Approfittiamo della domanda per alcune precisazioni.
    Il Fondo sarà nazionale, per tutte le regioni.
    Nel testo, dove parliamo di “lavoratore iscritto” si intende iscritto al Fondo.
    Infatti il CCNL art.76 prevede una compartecipazione economica del lavoratore (che comunque non potrà essere superiore ai 5 euro a carico dell’Ente), e sarà richiesta una adesione volontaria. Quindi si può verificare che un lavoratore rifiuti di essere iscritto. Si tratterà di vedere, in questa ipotesi, che fine fanno i 5€ dell’Ente. La questione è ancora da trattare.

    Tuttavia il decorrere del tempo non pregiudica, poiché tutti i Fondi esistenti di questo tipo prevedono una “franchigia iniziale” di alcuni mesi dopo l’iscrizione durante i quali non decorrono prestazioni (un po’ come fanno le assicurazioni).

    E’ però possibile aspettare il decorso della franchigia senza versare contributi, e quindi versarli tutti insieme arretrati; in questo caso le prestazioni decorrerebbero da subito. Ribadiamo le indicazioni agli Enti: accantonare il contributo e tenersi pronti a versare, fino a quando tutti gli aspetti operativi non saranno stati definiti al livello nazionale.

  3. buongiorno,
    quindi ad oggi operativamente non sappiamo chi, come e dove si deve versare questo contributo, è corretto?
    il contributo di 5 euro per ogni lavoratore è a carico del datore di lavoro?
    è previsto quando (dice durante il mese di aprile, ma siamo oltre la metà) verranno concordati i requisiti di iscrivibilità e quale sarà il Fondo a cui versare?

  4. 1 – noi abbiamo oltre il 70% di lavoratori a tempo parziale, a volte anche minimo. Il contributo é uguale per tutti o viene versato in proporzione alla % del orario svolto?
    2 – quali prestazioni possono essere date con tali versamenti?
    3 – dal momento che nessuno puo essere giá iscritto e successivamente la scelta sarà libera, non manca la base per effettuare un accantonamento documentato?


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Calabria, ancora zero rimborsi Covid dalla Regione agli enti

La Regione Calabria non ha ancora riconosciuto nessun rimborso alle strutture extraospedaliere per i costi extra sostenuti durante
Leggi di più

Fondazione Girola, 16 milioni di borse di studio dal 1991 a oggi

Centosessanta borse di studio da 4.000 euro ciascuna, per un totale di 640 mila euro. Le ha consegnate
Leggi di più

Regione Umbria – Tariffe per le strutture sanitarie e sociosanitarie

Nuove tariffe per le strutture sanitarie e sociosanitarie di assistenza territoriale in Umbria. Le ha approvate la giunta
Leggi di più

Innovazione e tecnologia nel servizio agli anziani – Bocconi cerca le eccellenze Uneba

Il tuo ente per anziani è un protagonista dell’innovazione? Avete sviluppato una buona pratica in cui la tecnologia
Leggi di più

Emilia Romagna – Vigilanza sulle strutture per anziani e disabili

Regione Emilia Romagna avvia per il 2024  un progetto sperimentale  per implementare la vigilanza sulle strutture per anziani
Leggi di più

Uneba Lombardia: fare cultura sulle cure palliative

“Cure palliative a che punto siamo: cosa ne sanno gli italiani?” è il convegno organizzato da Uneba Lombardia
Leggi di più

Nota Uneba sulla procedura di conciliazione con i sindacati

Si è concluso con un verbale di mancato accordo l’incontro di mercoledì 22 maggio presso il Ministero del
Leggi di più

Ci ha lasciato Giampaolo Manganozzi, già redattore di Nuova Proposta

E’ mancato domenica  19  maggio, all’età di 87 anni, Giovanni Paolo Manganozzi, per tutti Giampaolo, che per tanti
Leggi di più

Sponsor