Prosegue il confronto tra Uneba Veneto e le rappresentanze regionali dei sindacali sulla componente regionale del contratto di lavoro. Un nuovo incontro s’è svolto giovedì 8 luglio presso l’associato Uneba Veneto a Padova.

Dal precedente incontro del 24 giugno era emersa la necessità di dare ricomposizione alla rottura dei rapporti, segnalata dai sindacati a seguito della decisione cui Uneba Veneto è stata costretta dall’incertezza della situazione economica lo scorso marzo: disdettare il Titolo VI del contratto regionale 2003 e quanto ad esso correlato inserito nei successivi accordi.

In questo incontro, i sindacati hanno ribadito che per il 2009 il diritto al SVQ è maturato, che conseguentemente c’è un diritto individuale di tutti i lavoratori a riceverlo e che tale dato di fatto è per loro imprescindibile. Partendo da questo chiedono di trovare una soluzione che vada incontro ai lavoratori e allo stesso tempo alle esigenze e difficoltà delle singole istituzioni e dell’Uneba Veneto, attraverso un percorso virtuoso sindacale che ne delinei le modalità di erogazione.

L’Uneba Veneto, anche sulla scorta delle indicazioni emerse dal precedente incontro, si è presentata al tavolo della trattativa con una proposta concreta, rispettosa della situazione attuale, ma allo stesso tempo precisa e puntuale per gli associati Uneba Veneto e per le richieste sindacali. Tale proposta partiva dalla mediazione sul diritto al Salario Variabile di Qualità, vantato dalle organizzazioni sindacali, che diventa esigibile per ogni ente solo se richiesto delle organizzazioni sindacali stesse.

Era una proposta che consentiva agli associati Uneba da un lato di corrispondere il SVQ se in grado di farlo e dall’altro di esimersi dal pagarlo dimostrando, attraverso la certificazione di un terzo, di non essere in grado di sostenere tale onere. Era una proposta articolata che però non ha trovato riscontro nelle organizzazioni sindacali. Con questo sistema variabile, che permetteva una diversificazione da ente a ente, si sarebbe avviato un percorso nuovo che avrebbe potuto poi trovare applicazione anche in futuro.

Si è trattato comunque di un incontro transitorio, ma da cui è comunque emersa dalle parti la volontà di trovare un accordo, anche persistendo le distanze nella contemporanea trattativa a livello nazionale.

Il prossimo appuntamento con i sindacati sarà lunedì 6 settembre. La delegazione trattante di Uneba Veneto proseguirà però nel frattempo i suoi incontri nel mese di agosto per formalizzare le proposte dell’associazione e farle pervenire ai sindacati prima del nuovo incontro.