Skip to content

Vaccino Covid, priorità alle persone con disabilità grave o Down

Le persone con disabilità grave o sindrome di Down avranno priorità nell’accesso ai vaccini.

Lo stabiliscono le nuove “Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19” del 10 marzo a cura di Ministero della Salute, Presidenza del Consiglio, Aifa, Agenas, Iss.

Come sintetizza vita.it, le nuove fasce di priorità sono quindi queste:

  • Elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili; disabilità grave);
  • Persone di età compresa tra 70 e 79 anni;
  • Persone di età compresa tra i 60 e i 69 anni;
  • Persone con comorbilità di età inferiore a 60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili
  • Resto con meno di 60 anni

Che cosa è “disabilità grave”

Per persone con “disabilità grave” si fa riferimento alla definizione dell‘articolo 3 comma 3 della legge 104/92, cioè “colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che e’ causa di difficolta’ di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione” e “la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l’autonomia personale, correlata all’eta’, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione”.

Inoltre, tutte le persone con sindrome di Down sono considerate “estremamente vulnerabili” e quindi con priorità 1.

Vaccinare subito anche famigliari e caregiver

Assieme alle persone con grave disabilità, hanno massima priorità nella vaccinazione anche “familiari conviventi e caregiver che forniscono assistenza continuativa in forma gratuita o a contratto”. (vedi appendice alla tabella 2 nelle Raccomandazioni)

Restano categoria prioritaria, come è stato fin dall’inizio, le comunità residenziali sociosanitarie.

L’impegno della ministra Stefani

Ad anticipare l’inclusione delle persone con grave disabilità e di famigliari conviventi e caregiver tra quelle con priorità massima nella campagna di vaccinazione contro il Covid 19 era stato il ministro per la disabilità Erika Stefani con la sua nota del 12 marzo.  In questo modo Stefani ha tenuto fede a quanto aveva annunciato al momento della sua nomina.

Vaccino subito alle persone con disabilità: Uneba lo sollecitava da settembre 2020

Uneba stessa lo scorso 16 febbraio 2021 aveva inviato una lettera al ministro Stefani, per esprimere  “la nostra totale adesione a quanto da lei affermato relativamente al tema delle “vaccinazioni” che, ad oggi, se hanno visto un rilevante impegno nell’intervenire a favore delle persone non autosufficienti ospiti delle RSA non hanno trovato una
adeguata risposta a favore delle persone disabili ospiti dei servizi residenziali loro dedicati e non
hanno ad oggi affrontato il tema delle persone al loro domicilio e quella delle persone ospiti dei servizi diurni, sia per anziani che per disabili, sia sociosanitari che sociali”.

Già a settembre 2020 Uneba aveva lanciato un appello al presidente del consiglio Giuseppe Conte perché si vaccinassero al più presto gli anziani delle Rsa e le persone con disabilità ospiti delle strutture residenziali.

Qui tutti gli articoli di www.uneba.org sul tema della disabilità

Quando saremo vaccinati? Le risposte del Piano vaccinale del commissario Figliuolo

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care