COMUNICATO STAMPA

L’appello del non profit dell’assistenza di Uneba a Conte, Speranza, presidenti e candidati presidenti di Regione


“AL PIU’ PRESTO IL VACCINO PER L’INFLUENZA AD ANZIANI E PERSONE CON DISABILITA’ DI RSA E STRUTTURE RESIDENZIALI”

Roma, 7 settembre 2020 – “E’ un passaggio fondamentale e decisivo nella protezione dal Covid19: qui ritardi e incertezze devono stare a zero. Chiediamo a Governo e Regioni che anziani e anziane ospiti di Rsa o altre strutture residenziali, e donne e uomini con disabilità che vivono in comunità alloggio o altre strutture residenziali, ricevano al più presto il vaccino antinfluenzale per la stagione 2020-2021”.

A scandire la richiesta è Uneba, associazione di categoria che raduna centinaia di strutture residenziali per anziani o persone con disabilità in tutta Italia, quasi tutte non profit di radici cristiane.

Franco Massi, presidente Uneba

Dice il presidente nazionale Uneba Franco Massi:

“Chiediamo al governo Conte e in particolare al ministro della Salute Roberto Speranza; ai presidenti regionali in carica e a quanti si candidano a diventarlo con le elezioni del 20 e 21 settembre, di impegnarsi concretamente perchè la distribuzione di vaccini ad anziani e persone con disabilità accolti in strutture residenziali – sono oltre 300 mila persone!- sia una assoluta priorità. E a loro vanno aggiunti i lavoratori degli enti”.

“I mesi scorsi – continua Massi – hanno mostrato -tragicamente! quanto sia decisivo proteggere dal contagio i più fragili, che spesso vivono in strutture residenziali. Inoltre, la stessa Corte dei Conti ha evidenziato che un’adeguata assistenza sul territorio è l’unico strumento di difesa dalla pandemia. Il vaccino antinfluenzale viene somministrato tutti gli anni ai nostri anziani e uomini e donne con disabilità per proteggere la loro salute. Quest’anno la sua importanza raddoppia, perché i sintomi di influenza e Covid19 sono simili, e poter escludere o limitare, grazie al vaccino la presenza dell’influenza renderà più efficace la risposta a eventuali nuove positività al Coronavirus”.

“Raccogliamo noi stessi e leggiamo con preoccupazione  nei media segnalazioni, in arrivo da varie regioni e da associazioni di categoria, su ritardi nei bandi per la fornitura dei vaccini, nell’acquisto delle dosi di vaccini, nell’organizzazione della distribuzione. Allarmi che suonano ancora più preoccupanti quest’anno visto che il Ministero della Salute , con sue indicazioni riprese anche dalla recente determina dell’Agenzia Italiana del Farmaco consigliano di iniziare già a ottobre la campagna di vaccinazioni. E ottobre è tra tre sole settimane!

“Oltretutto questa campagna vaccinale richiederà più tempo per la somministrazione, perché bisogna garantire l’adeguamento distanziamento tra i pazienti e il rispetto di tutte le misure di sicurezza anti Covid19 nei luoghi della vaccinazione”.

ufficio stampa: tommaso.bisagno@gmail.com , 3473677957     

Uneba&Vaccino: ascolta l’intervista del presidente Massi a Radio Popolare (minuto 5.35)

Il primo passo per rafforzare le difese di #rsa , #casediriposo e altre strutture residenziali contro il…

Pubblicato da Uneba su Lunedì 7 settembre 2020

La proposta di Uneba su Avvenire

 

Garantite il vaccino antinfluenza agli anziani non autosufficienti e alle persone con disabilità ospiti di rsa ,…

Pubblicato da Uneba su Mercoledì 9 settembre 2020

L’intervista a Massi sul Giornale Radio Sociale