Skip to content

Pochi infermieri e troppi medici in Italia

Dal rapporto Ocse 2008 “Mismatches in the formal sector, expansion of the informal sector: immigration of health professionals to Italy” (Disparità nel settore formale, espansione nel settore informale: l’immigrazione in Italia di lavoratori nel settore sanitario) sul personale che lavora in ambito sanitario in Italia (segnalato dal sito Epicentro) emerge con forza che c’è carenza di infermieri in Italia. Una situazione particolarmente importante data l’anzianità della popolazione: gli italiani sono tra i più vecchi al mondo, con quasi il 20% sopra i 65 anni. Secondo i dati Istat, nel 2050 circa l’8% degli italiani avrà più di 85 anni.

  • qui il documento completo dell’Ocse (in inglese)
  • qui la sintesi di Epicentro

Sempre meno infermieri

Ai pochi infermieri corrispondono invece tanti medici: nessuno come l’Italia ne ha così tanti per abitante. Ci sono più dottori che infermieri.

Si calcola che la carenza di infermieri aumenti ogni anno a causa dello squilibrio tra i pensionamenti (17 mila all’anno) e le nuove assunzioni (8 mila all’anno).

Secondo l’Ipasvi (Federazione nazionale dei collegi degli infermieri) nel 2006 c’erano 60 mila infermieri in meno del necessario, non coperto quindi il 15% dei posti di lavoro disponibili

Il ruolo del personale straniero

Il numero di infermieri stranieri in Italia è ancora molto basso: 6730 nel 2005, di cui un terzo proveniente dall’Unione europea. La maggior parte di loro lavora in istituzioni private. Altri Paesi sono più attraenti per infermieri stranieri come condizioni contrattuali. Nel 2004, secondo i dati Ocse, la maggior parte del personale straniero autorizzato a venire in Italia è stato assunto con contratti dai 12 ai 24 mesi. Gli infermieri che arrivano in Italia hanno mediamente tra i 20 e i 39 anni e provengono per il 60% dalla da Romania, per il 25% dalla Polonia. Gli infermieri stranieri – che sono comunque ancora inferiori ai medici stranieri per numero- lavorano per la maggior parte in istituti privati.

“Ma l’emigrazione non sarà sufficiente a risolvere per l’Italia la carenza di figure professionali nell’assistenza sanitaria”, dice il rapporto Ocse. Che sottolinea come ci sia stato un grande aumento dei posti per corsi universitari per infermieri, ma ci sono ancora più domande di accesso che posti disponibili, specie al sud.

Le azioni delle Regioni

“Per risolvere la carenza cronica di infermieri – spiega Epicentro riassumendo il testo Ocse- , alcune Regioni hanno creato nuove figure professionali come quella dell’assistente e operatore socio-sanitario, riducendo così il carico di lavoro degli infermieri specializzati che storicamente svolgono anche compiti di pulizia e movimento dei pazienti”. Inoltre, alcune Regioni hanno accordi bilaterali con istituti che all’estero formano infermieri.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care