Skip to content

Legge di bilancio: le proposte del Patto Non Autosufficienza

Occorre uno stanziamento di 1 miliardo e 306 milioni di euro nella legge di bilancio -835 milioni dalla sanità e 471 milioni dal sociale- per cominciare a tradurre in pratica la riforma della non autosufficienza approvata a marzo 2023.
Lo chiede il Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza, presentando le sue proposte sulla legge di bilancio.

“S’intende – si legge nel comunicato stampa del Patto Non Autosufficienza -agire già dal 2024 in ciascuno dei principali ambiti del settore: assistenza domiciliare, servizi residenziali e trasferimenti monetari”.

Per la residenzialità, in particolare, la proposta del Patto è aumentare l’ intensità assistenziale. Per raggiungerla si propone di introdurre un contributo statale permanente di 11,25 euro per giornata di degenza per tutte le strutture operanti nella rete a titolarità pubblica (si intendono le strutture accreditate o convenzionate con il settore pubblico).

Queste risorse sono trasferite dallo Stato alle Regioni affinché incrementino l’intensità assistenziale nelle
loro residenze.  I fondi ricevuti possono essere utilizzati da ogni Regione per incrementare i minuti di qualunque professionalità coinvolta (infermieri, OSS, fisioterapisti, medici e altre) nella residenzialità, sulla base della propria specifica situazione. La spesa aggiuntiva è di 408 milioni annui di euro nel 2024, con avvio il 1° luglio, e di 809 milioni a decorrere dal 2025. Tali risorse provengono dalla sanità.

Base di questa proposta è lo studio “L’innalzamento della qualità nelle strutture: criteri e dati”, curata da Daniele Massa di Diaconia Valdese, Antonio Sebastiano di Liuc e Virginio Marchesi di Uneba,  che trovate a pagina 38 delle proposte per la legge di bilancio 2024 del Patto Non Autosufficienza

***

Uneba fa parte del Patto per un Nuovo Welfare sulla Non Autosufficienza ed ha contribuito a elaborare le proposte per la Legge di Bilancio, in particolare con Virginio Marchesi, Virginio Brivio e Giovanni Di Bari.

La legge Delega in materia di politiche in favore delle persone anziane contenente la riforma della non autosufficienza è stata approvata a marzo 2023.Il Governo ha tempo fino a gennaio 2024 per approvare i decreti delegati.  “I decreti attuativi  – nota il presidente Uneba Franco Massi -stabiliranno i contenuti e la priorità e dovranno collegarsi, per la concreta attuazione, agli stanziamenti di bilancio. Se si vogliono raggiungere, seppur con gradualità, gli obiettivi della legge sono necessari cospicui investimenti pluriennali”.  Il Patto sta elaborando proposte per i decreti attuativi.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care