Skip to content

Lombardia – Rette differenziate secondo il reddito nel futuro delle case di riposo lombarde

Case di riposo con rette differenti a seconda del reddito dell’ospite e dei servizi che la struttura offre. Una radicale modifica quindi nel sistema di compartecipazione alla spesa per i 57 mila ospiti delle case di riposo lombarde.

E’ questa la prospettiva per le strutture accreditate della Regione Lombardia secondo l’assessore regionale a famiglia, integrazione e solidarietà sociale Giulio Boscagli.

“Questa è molto più che una proposta. Abbiamo messo nel Piano socio sanitario che discuteremo il prossimo settembre una serie di modifiche dell’attuale sistema del pagamento delle rette”, dichiara Boscagli a Giulia Guerri de Il Giornale.

«Con la manovra finanziaria e con i tagli previsti dal governo, le risorse sono destinate a ridursi – continua l’assessore – e diventa quindi necessario fare una riflessione per vedere altri modi di intervento».

"È evidente – aveva in precedenza dichiarato sullo stesso tema Boscagli a Repubblica – che chi offre servizi di "alta complessità medica" avrà diritto ad avere di più".

BOSCAGLI SU SENTENZE TAR: AUSPICHIAMO NORMATIVA NAZIONALE

L’assessore Boscagli è intervenuto anche riguardo alle sentenze dei Tar della Lombardia che hanno affermato il principio che i Comuni non possono far pagare le spese dell’assistenza alle persone non autosufficienti ai famigliari considerando il reddito complessivo della famiglia anziché quello della singola persona assistita. "La Regione – ha dichiarato l’assessore – sostiene la metà della spesa e certamente la differenza non la possiamo mettere noi. In questo caso la questione ricade sui comuni, ma non c’è una normativa vincolante a livello nazionale. È chiaro che speriamo che ci sia una determinazione a livello nazionale. C’è una disponibilità a lavorare. Ma è difficile immaginare che cambiando il sistema delle rette, il costo del servizio diminuisca".

1 commento

  1. Buongiorno… chissà forse c’è uno spiraglio che le normative vengano fatte davvero con l’esigenza del settore
    Voglio dire esistono alberghi da una a cinque stelle ed ognuno scieglie in base alle proprie disponibilità … non vedo perchè le case di riposo devono solo essere a 5 stelle , tagliando fuori cosi’ una moltitudine di anziani che ne usufruirebbero volentieri


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

In ricordo delle vittime del Covid, teatro con la Rsa Vaglietti Corsini

Mercoledì 21 febbraio 2024, anniversario della primo caso di Covid accertato in Italia, all’interno del convegno Uneba Bergamo,
Leggi di più

Sponsor