Skip to content

Esperti Uneba – I certificati di malattia vanno trasmessi all’Inps per via telematica: ecco come avvisare i lavoratori delle nuove regole

Il nuovo sistema di comunicazione all’Inps delle certificazioni di malattia (ne parlavamo qui), che da sabato 19 giugno è l’unico che potrà essere impiegato, causerà inevitabili problematiche nei primi tempi.

Gli enti, comunque, a seconda che aderiscano o meno alla nuova procedura, dovranno pubblicare degli avvisi a tutto il personale da affiggere in luogo accessibile a tutti.

Le novità partono già dal momento della visita medica. Infatti il medico non dovrà più compilare il consueto certificato di malattia, ma si collegherà al sito Inps dove inserirà tutti i dati relativi al lavoratore, alla diagnosi e alla prognosi.

Otterrà quindi una ricevuta d’invio che gli consentirà di stampare il certificato di malattia cartaceo da consegnare al dipendente e l’attestato di malattia, sempre cartaceo e privo dell’indicazione della diagnosi, che il lavoratore dovrà consegnare al datore di lavoro.

L’Ente ha a sua disposizione on-line tale attestato fin dal momento dell’inserimento dei dati di malattia da parte del medico, così come il lavoratore.

Il datore di lavoro può accedere all’attestato da qui, il lavoratore da qui.

Pertanto tutti i soggetti del sistema (medico, azienda, lavoratore, Inps) possono essere a conoscenza dello stato di malattia del dipendente già al momento dell’effettuazione della visita. Di conseguenza non vi è più l’obbligo per il lavoratore di inviare la certificazione all’Inps, in quanto l’ente acquisisce direttamente dal sistema informatico tutti i dati necessari relativi alla malattia e al suo eventuale controllo.

I rapporti tra lavoratore e azienda, invece, rimangono più complessi.

Infatti, né il lavoratore, né l’azienda hanno l’obbligo di accreditarsi sul sito Inps per il servizio in questione ed è quindi possibile che permanga la necessità dell’invio “tradizionale” del nuovo attestato di malattia.

PER GLI ENTI ASSOCIATI

Nella parte riservata, in corrispondenza di questa notizia, (accesso da qui)  pubblichiamo indicazioni per gli enti sul comportamento da adottare a seconda che l’Ente sia o meno accreditato al sistema telematico. Mettiamo a disposizione anche due modelli di comunicazioni da diramare al personale per spiegare la nuova procedura obbligatoria per la certificazione e l’attestazione di malattia che ogni lavoratore deve seguire.

 

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor