Skip to content

Esperti Uneba – Cambia lo schema di bilancio per le organizzazioni di volontariato del Veneto

La Regione Veneto ha da poco aggiornato lo schema di bilancio che le organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale devono adottare.

La Regione Veneto, prima in Italia, ha approvato con delibera regionale n.605 del 10 marzo 2009, lo schema di bilancio che le organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale devono adottare. Non esiste uno schema di bilancio definito a livello nazionale per gli enti non commerciali. Negli ultimi tempi sono state predisposte delle linee guida da parte dell’Agenzia per le Onlus e del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. In tal senso è apprezzabile lo sforzo della Regione Veneto per rendere trasparente la rendicontazione degli enti non commerciali, uniformando lo schema di bilancio. Lo stesso schema è stato tra l’altro oggetto di una ampia e capillare diffusione nel territorio grazie ai Centri di Servizio per il Volontariato (CSV).

Ora la stessa giunta regionale, con delibera 4314 del 29 dicembre 2009, ha modificato lo schema in questione, prevedendo tra l’altro due tipi di bilancio:

  1. per contabilità finanziaria (principio contabile di cassa) generalmente applicata dalle organizzazioni di volontariato di piccole/medie dimensioni
  2. per contabilità economica (principio contabile di competenza

Qui il nuovo schema.

In un momento in cui gli enti non commerciali si stanno apprestando a predisporre ed approvare i bilanci per il 2009, tali modifiche allo schema di bilancio rischiano di vanificare l’obiettivo di trasparenza perseguito dalla Regione, andando invece ad aggravare l’amministrazione degli enti.

Donatello Ferrari

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor