Skip to content

Esperti Uneba – Cambia lo schema di bilancio per le organizzazioni di volontariato del Veneto

La Regione Veneto ha da poco aggiornato lo schema di bilancio che le organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale devono adottare.

La Regione Veneto, prima in Italia, ha approvato con delibera regionale n.605 del 10 marzo 2009, lo schema di bilancio che le organizzazioni di volontariato iscritte al registro regionale devono adottare. Non esiste uno schema di bilancio definito a livello nazionale per gli enti non commerciali. Negli ultimi tempi sono state predisposte delle linee guida da parte dell’Agenzia per le Onlus e del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. In tal senso è apprezzabile lo sforzo della Regione Veneto per rendere trasparente la rendicontazione degli enti non commerciali, uniformando lo schema di bilancio. Lo stesso schema è stato tra l’altro oggetto di una ampia e capillare diffusione nel territorio grazie ai Centri di Servizio per il Volontariato (CSV).

Ora la stessa giunta regionale, con delibera 4314 del 29 dicembre 2009, ha modificato lo schema in questione, prevedendo tra l’altro due tipi di bilancio:

  1. per contabilità finanziaria (principio contabile di cassa) generalmente applicata dalle organizzazioni di volontariato di piccole/medie dimensioni
  2. per contabilità economica (principio contabile di competenza

Qui il nuovo schema.

In un momento in cui gli enti non commerciali si stanno apprestando a predisporre ed approvare i bilanci per il 2009, tali modifiche allo schema di bilancio rischiano di vanificare l’obiettivo di trasparenza perseguito dalla Regione, andando invece ad aggravare l’amministrazione degli enti.

Donatello Ferrari

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care