sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Veneto- Sanità territoriale e strutture intermedie, nell’attuazione del Piano sociosanitario si va in ordine sparso

Meno ospedale e più territorio è la filosofia del Piano sociosanitario 2012-2016 della Regione Veneto. Ma quanto sono state sviluppate finora le risorse territoriali, e come?
Lo studio “Il sistema socio-sanitario del Veneto: domanda di salute, reti territoriali e percorsi di integrazione- Un’analisi su sette Aziende ULSS” realizzato da Ires per conto di Cgil Veneto evidenzia:

  • grandi differenze nell’attuazione nelle sette Ulss analizzate, cioè 1-Belluno, 6-Vicenza, 9-Treviso, 12-Venezia, 16-Padova, 18-Rovigo, 20-Verona
  • un’offerta di salute complessivamente inadeguata alla domanda: la riduzione dei posti letto ospedalieri sembra arrivare prima dell’attivazione dei posti letto territoriali, che richiede un investimento iniziale prima di garantire risparmi sul lungo periodo

Scarica lo studio Ires con i relativi allegati.
Ecco a che punto è l’attivazione dei posti letto di hospice (HOSP), unità riabilitativa territoriale (URT), ospedale di comunità (ODC).

strutture intermedie in veneto

Questo qui sotto invece è il quadro della situazione delle strutture territoriali Ulss per Ulss raccolto attraverso interviste a dirigenti e sindacalisti.

aaa strutture territoriali

Lo studio evidenzia che gran parte delle Ulss ha scelto di esternalizzare la gestione delle strutture intermedie, affidandole a ipab o enti privati (e infatti anche alcuni enti Uneba Veneto sono diventati sede di ospedale di comunità). Secondo gli intervistati nello studio, questa privatizzazione dei rapporti di lavoro è indispensabile perché il sistema previsto dal Piano sociosanitario regionale possa reggere nel medio e lungo termine.

I dirigenti Ulss intervistati in molti casi sottolineano che questo modello di assistenza territoriale sia troppo sbilanciato sul lato sanitario pregiudicando il valore dell’integrazione sociosanitaria.

Quali Ulss offrono un servizio migliore ai cittadini? Ires ha elaborato un indicatore sintetico di performance che traduce in un solo numero l’insieme dell’offerta territoriale e ospedaliera e lo mette a confronto con la domanda di salute, diversa per ogni territorio.

iso

Lo studio prevede anche un’analisi dei costi delle Ulss.

aaaprocapite

aaa valrpf

 

 

Scrivi un commento