sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Un non profit su tre nel settore di Uneba fa fund raising

Il 20% delle istituzioni non profit censite hanno dichiarato di svolgere attività di raccolta fondi. Sono però il 35% nel settore Sanità e il 34% nell’Assistenza sociale.

Tra le istituzioni maggiormente attive nella raccolta fondi spiccano quelle della Lombardia (20,4% di istituzioni che svolgono attività di fund raising); seguono quelle in Veneto (11,3%) e Emilia-Romagna (10,2%). In coda le istituzioni non profit del Sud ed Isole.

  • 61% delle istituzioni usa il contatto diretto con il donatore per la raccolta fondi
  • 55,5% usa l’organizzazione di eventi
  • 11% usa internet

Sono alcuni dei dati tratti dal censimento del non profit 2011 diffusi ad aprile 2014 dall’Istat.

Istat, non profit e fund raising: comunicato stampaI dati nel dettaglio

Istat ha diffuso anche alcuni dati sull’occupazione nel non profit e su bilanci e fonti di finanziamento

Alcuni dati in sintesi

Il totale delle entrate di bilancio delle istituzioni non profit è risultato pari a 64 miliardi di euro, mentre le uscite totali ammontano a 57 miliardi.

Lombardia e Lazio da soli coprono circa il 50% del totale di entrate ed uscite

Per l’86,1% delle istituzioni non profit la fonte di finanziamento principale è di provenienza privata, mentre nel 13,9% dei casi è prevalentemente pubblica.

Il settore Sanità è quello in cui ha più peso il finanziamento pubblico, pari in media al 36% del totale. Segue il settore Assistenza sociale e protezione civile con il 32,8%.

La maggior parte delle spese delle istituzioni non profit è destinata all’acquisto di beni e servizi (38%) e alla retribuzione del personale dipendente (31%). Sanità e l’Assistenza sociale e protezione civile presentano la quota più elevata di costi per i dipendenti (rispettivamente 45,8% e 45,6%).

Scrivi un commento