Grazie alla collaborazione dell’educatrice Linda Bressan, riceviamo e pubblichiamo questo comunicato dall’associato Uneba Veneto Fondazione De Lozzo-Dalto di Santa Maria di Feletto (Tv), del gruppo Ceris.

Ricordiamo a tutti gli enti associati Uneba delle varie regioni che www.uneba.org volentieri pubblica loro comunicati o notizie di loro iniziative. Contattateci a info@uneba.org

“La mamma è sempre la mamma”… così si dice per la figura più importante nella vita di ognuno di noi; ed è per questo motivo che gli ospiti della casa di riposo (associata Uneba Veneto) “De Lozzo-Dalto” e i bambini dell’adiacente centro infanzia “Girotondo delle età” di Santa Maria di Feletto (TV) hanno pensato di festeggiare tutte le mamme attraverso uno spettacolo di burattini.

Ospitati nel meraviglioso teatro all’interno della casa di riposo si sono riunite tre generazioni dai sei mesi ai cento anni di “nonna Ida”, con il desiderio di trascorrere un pomeriggio gioioso e tornare tutti un po’ bambini ammirando lo spettacolo di Daniela Castiglione, nota burattinaia che da anni viaggia con il suo camper attraverso l’Italia portando allegria nei vari paesi, piazze e teatri.Lo spettacolo messo in scena, adatto ad un pubblico anche molto giovane come i bambini dell’asilo nido, ha catturato l’attenzione di grandi e piccoli grazie alla simpatica storia de “Il mostro mangiacolori”. Quaranta minuti di risate, riproposte in due spettacoli per permettere alle oltre 300 persone di assistere comodamente all’avventura del bimbo Ciccicocò e al gatto magico della Tasmania, hanno favorito un clima di intergenerazionalità tra nonni e bambini.

Grazie ad un percorso iniziato più di dieci anni fa, tra le due strutture che si occupano di infanzia e di terza e quarta età si vuole continuare a costruire e mantenere quel ponte che permette di unire i ricordi di chi ha già attraversato molte esperienze di vita con chi, invece, si sta affacciando alla vita muovendo i primi passi con l’entusiasmo e la curiosità tipica dei bambini.

Il pomeriggio di festa è stato un bel momento per vedere concretizzato il rapporto affettuoso che si è ormai instaurato tra gli ospiti della struttura per anziani e i bimbi del centro infanzia; i più piccoli spettatori si sono entusiasmati e divertiti, i più anziani si sono commossi e con dolcezza hanno ringraziato per essere tornati bambini per un giorno almeno con l’animo e la fantasia.

Nella speranza che questo percorso tra giovani generazioni e quelle più anziane e sagge possa continuare a crescere diamo appuntamento al pubblico alla festa della mamma del prossimo anno.