Skip to content

Veneto – Accordo sul salario variabile di qualità

E’ stato firmato lunedì 9 giugno a Padova l’accordo Uneba Veneto- sindacati sul salario variabile di qualità (contrattazione di secondo livello).

Si tratta di un intervento necessario dopo l’abolizione della decontribuzione su questa parte di salario: un provvedimento che di fatto lo ha reso più oneroso per i datori di lavoro e meno conveniente per i lavoratori e di fatto ha cambiato le condizioni rispetto al precedente accordo del 20 dicembre 2006.

In base all’accordo del 9 giugno, il salario variabile di qualità ammonterà per il 2007 a 300 euro, più 50 centesimi di euro al mese per ogni mese di ritardo.

Quando verranno pagati i 300 euro? 

Il salario variabile di qualità verrà pagato ai lavoratori nel mese successivo all’uscita degli attesi decreti ministeriali sulle nuove regole per decontribuzione e detassazione del salario variabile di qualità.

Se questi decreti non saranno emanati entro agosto, l’accordo prevede un necessario un nuovo incontro tra le parti per ridefinire le condizioni per l’erogazione del salario variabile di qualità, che comunque avverrà il prima possibile.

 

Il testo integrale dell’accordo 

Pubblichiamo nella parte riservata di www.uneba.org, in coda a questa notizia, il testo integrale dell’accordo.

Per poter accedere alla parte privata è necessario essere associati a Uneba e in regola con il pagamento della quota annuale: qui i dettagli, oppure contattare Uneba Veneto a info.veneto@uneba.org

 

Per saperne di più

Qui approfondimenti sull’abolizione della decontribuzione; vedi anche la legge 247/2007 (riforma del welfare).

In materia di contratto: qui l’accordo firmato a maggio con i sindacati sulla rappresentatività, all’interno della trattativa per il contratto nazionale.

 

L’accordo sul riposo

Sempre nella parte riservata di www.uneba.org pubblichiamo l’accordo siglato il 7 gennaio da Uneba Veneto e sindacati sul periodo minimo di riposo giornaliero, fissato in non meno di 7 ore consecutive, che possono pero’ essere ridotte in casi particolari individuati a livello di singolo ente.

3 Comments

  1. Ci sono novità sul rinnovo CCNL e per quanto riguarda il lazio su eventuali accordi ?????
    Grazie

  2. Secondo voi sono sufficienti 7 ore di riposo per il recupero psicofisico?secondo me non sono sufficienti nemmeno 11.(provare per credere).

  3. @Antonello

    Per la verità, la legge prevede 11 ore di riposo giornaliero. Il ns. CCNL è allineato alla legge, ma gli enti associati, per la maggior parte, adottano nella prassi turni che prevedono anche 13 ore di riposo nelle 24 ore. Sembrano sufficienti.
    Saluti
    Segreteria Uneba


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care