Skip to content

Uneba Veneto – Materassi in gel e disturbi del sonno: studio Oic

L’utilizzo di materassi in gel sembra portare ad un miglioramento della qualità del sonno per persone affette da demenza con disturbi del sonno e istituzionalizzate.

E’ questo il risultato dello “Studio pilota sull’utilizzo di materassi in gel in pazienti affetti da demenza e disturbi del sonno” presentato al 53° Congresso nazionale della Società italiana di gerontologia e geriatria, intitolato “L’Italia? Non è un paese per vecchi”, che si è svolto a Firenze dal 26 al 29 novembre scorsi.

Lo studio è stato realizzato presso una delle strutture del socio Uneba del Veneto Fondazione Opera Immacolata Concezione Onlus: il centro residenziale “Monsignor Crico” di Vedelago (Tv). All’analisi dei dati ha contribuito anche il servizio epidemiologico aziendale della Ulss 4 di Thiene (Vi).

Autori dello studio sono A. Visentin, L.Estellano, M.Ruffato, L.Ceccon, L.Michieletto, M.Pellizzari, C.Cavazzini, A.Gamba. P.Gallina.

Sono stati presi in esame otto anziani ospiti della residenza di Vedelago e affetti da demenza che porta con sé anche disturbi del ritmo sonno-veglia. Di ognuno sono stati registrati gli episodi di wandering, agitazione, insonnia notturna e all’opposto di affaccendamento (attività frenetica e inconcludente) e sonnolenza diurni.

Dopo l’applicazione di un materasso in gel si è verificata una significativa diminuzione di alcuni disturbi del sonno, e in nessuno si è rilevato un significativo aumento dei disturbi del comportamento.

Queste tendenze viste in un campione pur esiguo hanno stimolato a proseguire con maggiore dettaglio lo studio: e così si sta facendo attualmente nella Rsa di Vedelago.

Pubblichiamo nella parte riservata l’articolo di presentazione dello studio sul “Giornale di gerontologia” di ottobre.

Per maggiori informazioni sullo studio scrivere a pietro.gallina@oiconlus.it

 

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor