Skip to content

Strutture residenziali, grande divario tra Nord e Sud

Alla fine del 2006 i presidi residenziali socio-assistenziali in Italia erano 8.964, per un’offerta complessiva di 330.897 posti letto (poco più di 56 ogni diecimila residenti). Le persone ospitate erano 294.961 (50 per diecimila abitanti). I dati arrivano dall’Istat, che poi scende anche nel dettaglio regione per regione. Qui la presentazione e i dati regione per regione.

Nell’Italia settentrionale si concentra il 60% dei presidi residenziali socio-assistenziali. Emilia-Romagna, Piemonte e Lombardia registrano il numero più alto di strutture; Basilicata, Valle d’Aosta e Molise si collocano invece agli ultimi posti.

Nel Nordest ci sono 86,4 posti letto per diecimila abitanti contro i 56 della media italiana: in provincia di Trento sono addirittura 143 ogni diecimila abitanti, in Friuli 106.Nell’Italia settentrionale la regione con meno posti letto è la Lombardia che ne ha 56, penultimo il Veneto che ne ha 83.

Nel Lazio i posti letto sono 44, nelle Marche 61.

Nelle regioni del Sud la media è di appena 25 posti letto ogni diecimila residenti. I valori più bassi li registrano Campania e Basilicata con circa 16 posti letto ogni diecimila residenti.

La percentuale di persone con più di 65 anni che fruiscono dell’assistenza residenziale (in proporzione al totale degli ultrasessantacinquenni residenti) è più alto in provincia di Trento, in Valle d’Aosta e Piemonte; all’estremo opposto Campania, Basilicata e Calabria.

La presenza di minori nelle istituzioni è più elevata del dato medio italiano nel Nordest ma pure in Calabria, Lazio, Sicilia e Umbria.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care