Skip to content

Piemonte – Riparto del Fondo sanitario regionale 2012

Come segnala Uneba Piemonte, con la delibera 2-4474 del 6 agosto, la giunta della Regione Piemonte ha approvato il Riparto 2012 del Fondo Sanitario Regionale. In coerenza con le indicazioni dell’Addendum al Piano di Rientro, il riparto punta a superare il criterio della spesa storica per stabilire quanto assegnare alle aziende sanitarie. Si passa invece alla determinazione del fabbisogno sulla base dei livelli di assistenza.

Dallo Stato, al netto dei tagli della spending review (decreto legge 95/2012), arrivano circa 7,75 miliardi a copertura dei Lea.

Per gli extra Lea ci sono a disposizione circa 100 milioni di fondi regionali.

Ogni Asl deve garantire l’equilibrio di bilancio fin dal previsionale 2012, e le indicazioni riguardano anche il servizio ad anziani, disabili, malati psichici e affetti da dipendenze.

Si legge infatti nell’allegato alla delibera 2:

“Tra le ASL esiste tuttora un forte divario sull’entità complessiva delle risorse destinate all’attività residenziale e semiresidenziale delle diverse tipologie di assistiti ( anziani, disabili, malati psichici, soggetti affetti da dipendenze) per cui è necessario che tutte le Aziende tendano ad avere un costo compatibile con le  risorse che deriverebbero a detta funzione da una ripartizione della quota di FSN per livelli di assistenza. Il costo dell’attività residenziale che con il blocco delle tariffe doveva stabilizzarsi ai livelli 2011 deve essere rivisto alla luce di quanto previsto dal decreto 95”.

Per l’assistenza domiciliare, residenziale e semiresidenziale degli anziani sono a disposizione 465 milioni.

I FONDI PER IL SOCIALE – DALL’ALLEGATO ALLA DELIBERA 2

1 Comment

  1. vorrei poter avere informazioni su evenruali novita legate al mio lavoro di Oss in Lombardia.Grazie.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Veneto – Accreditamento strutture sociosanitarie, avviso straordinario

Regione Veneto apre una procedura straordinaria di accreditamento per le strutture sociosanitarie: per il rilascio  a soggetti non
Leggi di più

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care