Skip to content

Lombardia – Bando Famiglia della Regione

La Regione Lombardia mette a disposizione 7 milioni di euro, divisi tra le Ulss a seconda della popolazione, per il Bando Famiglia 2009 che sostiene le iniziative innovative a favore della famiglia, al fine “di facilitare la creazione di reti di solidarietà fra le famiglie, di sviluppare l’associazionismo familiare, di favorire forme di auto-organizzazione e di aiuto solidale”.

La scadenza per il bando è il 20 maggio.

  • qui il bando
  • qui tutti i documenti collegati

Per chi

Possono partecipare, (purché iscritti, dove previsto, al proprio albo o registro regionale):

  • associazioni di solidarietà familiare
  • organizzazioni di volontariato
  • associazioni senza scopo di lucro e associazioni di promozione sociale
  • cooperative sociali iscritte nella sezione A dell’albo regionale
  • enti privati con personalità giuridica riconosciuta
  • enti ecclesiastici con personalità giuridica
  • associazioni femminili

Che cosa

I progetti devono riguardare gli ambiti indicati:

  • dall’art.4, comma 2, lettera g), della l.r. 23/99: (per popolazione minorenne in età scolastica).
  • dall’art.36, comma 1, lettere a) e b) della l.r. 1/08

I progetti candidati possono essere anche continuazione di progetti finanziati e attivati con i bandi 2008 e 2009.

La valutazione

Le variabili su cui saranno valutati i progetti sono:

  • priorità attribuita all’ambito di intervento
  • coerenza del progetto in relazione al bisogno al quale si intende rispondere
  • qualità delle risorse umane impiegate nell’ottica della l.r. n.23/99
  • capacità di sussidiarietà e coinvolgimento della “rete istituzionale”
  • qualità delle attività descritte
  • coerenza fra obiettivi e piano operativo
  • conformità alle linee della l.r. n.23/99
  • efficienza economica: rapporto costi/benefici
  • progetti innovativi in partnership tra associazioni di solidarietà familiare e gli altri soggetti non profit

I progetti finanziati dovranno prendere il via dal 1 settembre 2009.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Veneto – Accreditamento strutture sociosanitarie, avviso straordinario

Regione Veneto apre una procedura straordinaria di accreditamento per le strutture sociosanitarie: per il rilascio  a soggetti non
Leggi di più

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care