“Le recenti modifiche al Codice del Terzo Settore, volute dal Ministero del Lavoro, portano ad un aumento di Ires, Imu e Irap per Fondazioni e Associazioni. E andiamo verso la scomparsa delle Onlus”, ha scritto il presidente Uneba Franco Massi nell’appello Uneba alla politica in vista delle elezioni del 25 settembre 2022, evidenziando le criticità della Riforma del Terzo Settore.

L’intervento del presidente Uneba Lombardia, e presidente della Commissione Giuridica di Uneba nazionale, Luca Degani sul Corriere della Sera Buone Notizie del 20 settembre 2022 esprime alcune delle perplessità di Uneba sull’esito della Riforma del Terzo Settore allo stato attuale.

Tra i punti evidenziati sul Corriere Buone Notizie

  • Scompare il regime di favore per le onlus che si dedicano alle persone più fragili delle comunità: cambia la visione del  bene finale a cui deve tendere l’attività esercitata dagli EntidelTerzosettore
  • Scompare la presunzione legale di non commercialità prevista per le Onlus riguardo all’attività solidaristica svolta a favore delle persone in stato di svantaggi
  • Scompare il dimezzamento dell’imponibile sui redditi derivanti da locazioni di fabbricati o da redditi da capitale, con i quali effettuano attività benefica
  • Viene stravolto il mondo delle Organizzazioni di Volontariato

“Non resta che auspicare -conclude Degani- un ravvedimento e una correzione della Riforma del Terzo settore che superitale dicotomia, che non realizzi in sostanza un vantaggio di alcuni enti a danno di altri e che non danneggi in maniera irreparabile la storia di migliaia di enti che hanno rappresentato l’ossatura delle politiche sociali in Italia”.

Leggi l’articolo sul Corriere Buone Notizie “Tasse e volontari – La Riforma non va”