Skip to content

Lazio: la riforma del welfare è legge

Il Lazio ha approvato la riforma del welfare: pubblicata sul Bur la legge 11/2016 “Sistema integrato  degli interventi e dei servizi sociali” approvata a maggioranza dal consiglio regionale. La legge fissa gli indirizzi generali e l’articolazione del Sistema.
Il Sistema integrato di interventi e servizi sociali, spiega la legge, è il complesso di prestazioni sociali in favore della persona, risultante dalla cooperazione tra Regione, Roma Capitale, Comuni, Province, Asl, Ipab, Terzo Settore.
Il Sistema integrato garantisce l’erogazione dei livelli essenziali delle prestazioni sociali previsti dallo Stato (articolo 22 della legge 328/00)
La Regione e gli enti locali, si legge all’articolo 39, promuovono la partecipazione attiva del Terzo Settore nelle fasi di programmazione, progettazione e realizzazione concertata del sistema integrato.
La riforma prevede anche che si approvi una legge per trasformare le ipab, anche mediante fusioni, in aziende pubbliche di servizi alla persona, o in persone giuridiche di diritto privato senza scopo di lucro.
La programmazione delle politiche sociali sul territorio del Lazio avverrà tramite il Piano regionale degli interventi e dei servizi sociali.  Per ogni beneficiario è previsto un Piano personalizzato di assistenza.
Per il settore della disabilità, all’articolo 12, la legge mette in primo piano interventi come, ad esempio:
  • realizzazione di strutture residenziali di tipo familiare  per persone con grave disabilità e persone con sofferenza psichica prive di adeguato sostegno familiare
  • interventi nel “durante noi”, cioè per garantire la progressiva presa in carico della persona con disabilità, anche grave quando i genitori sono ancora in vita.
  • laboratori sociali integrati con altre forme di socializzazione disponibili nel territorio, per lo sviluppo dell’autonomia e l’inclusione sociale della persona, comprese le iniziative di agricoltura sociale
  • realizzazione e implementazione di strutture diurne per persone adulte con disabilità
Per il settore degli anziani, all’articolo 13, la legge mette in primo piano interventi come, ad esempio:
  • assistenza domiciliare e le dimissioni protette attivando forme di integrazione socio-sanitaria, in raccordo con strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie e con il coinvolgimento dei soggetti del terzo settore e delle famiglie
  • percorsi di formazione e tutoraggio alle famiglie nella gestione delle persone anziane non autosufficienti
  •  sostegno economico per mantenere a domicilio persone anziane non autosufficienti
  • promozione di forme residenziali alternative di tipo familiare 
  • promozione e la realizzazione dell’housing/co-housing sociale
Gli articoli 31 e 32 della legge stabiliscono le caratteristiche delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale e fissano i principi per la disciplina regionale su autorizzazione e accreditamento. La riforma inoltre introduce nuove regole su cessazione e decadenza di autorizzazioni per strutture che prestano servizi socioassistenziali, attraverso modifiche alla legge 41/03.
Il concorso degli utenti ai costi delle prestazioni sociali e socio-sanitarie è stabilito con l’Isee, specifica la legge, ma la Regione in casi particolari può prevedere ulteriori criteri di valutazione, come il quoziente familiare.
“Obiettivo della riforma – spiega il comunicato stampa regionale – è definire un modello di welfare regionale più aperto alla partecipazione dei soggetti pubblici e privati che operano nel sociale; più efficiente ed efficace sotto il profilo della programmazione, dell’organizzazione e della gestione dei servizi (…)Terzo settore, associazionismo, cooperazione e impresa sociale saranno chiamati ad una partecipazione sistematica alla definizione degli interventi per promuovere la progettualità e l’innovazione sociale”.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Record di centenari da Guinness – Il 4 maggio il tentativo a Padova

Sabato 4 maggio 2024 alla Civitas Vitae di  Padova il più grande raduno di centenari al mondo, da registrare
Leggi di più

Minori – Convegno Uneba a Napoli il 14 e 15 giugno 2024

“Il futuro delle giovani generazioni – Le sfide nel lavoro educativo e di cura” è il titolo del
Leggi di più

Convegno nazionale di Pastorale della Salute con Uneba

Si svolge a Verona dal 7 al 15 maggio il XXV  convegno nazionale della Pastorale della Salute della
Leggi di più

Forum Non Autosufficienza 2024 a Milano con Uneba

Uneba, con le sue proposte e i suoi esperti, è protagonista al Forum della Non Autosufficienza  e dell’autonomia
Leggi di più

Uneba all’Università di Trieste: raccontiamo i nostri valori

Si fa sempre più stretto il rapporto di Uneba con le Università, ed aumentano le collaborazioni. Sabato 13
Leggi di più

Buone pratiche – Lasciti solidali al Terzo Settore, l’esempio di Casa della Serenità

Un sito tutto dedicati ai lasciti testamentari solidali e un convegno di sensibilizzazione sul tema: è l’iniziativa dell’associato
Leggi di più

La cura dei fragili – Uneba Lombardia con l’Arcidiocesi di Milano

Uneba Lombardia, con il presidente Luca Degani, interviene all’incontro “Pratica della cura, legami territoriali e patto sociale” parte
Leggi di più

Exposanità – Convegno sull’assistenza territoriale con Uneba

All’interno di Exposanità – “Ci sta a cuore chi cura” 23esima edizione della manifestazione internazionale al servizio della
Leggi di più

Sponsor