Skip to content

Lazio – Aumentano strutture, assistiti e personale, ma ancora non basta

E’ stato presentato giovedì 27 ottobre il secondo Rapporto sui servizi sociali del Lazio. Lo ha realizzato, sulla base dei dati prodotti dal Sistema informativo dei servizi sociali del Lazio (Siss), dalla Fondazione Censis con il coordinamento della Direzione regionale Politiche sociali e Famiglia.

Il Rapporto fotografa al 31 dicembre 2009 (il precedente era del 2007) lo stato delle strutture e dei servizi socio-assistenziali del Lazio: quanti sono, dove sono e cosa fanno servizi e strutture per minori, anziani, disabili, persone con dipendenze e immigrati, persone in difficoltà o non autosufficienti.

Emerge dai dati un aumento dell’offerta sociosanitaria, ma non ancora al livello delle necessità del territorio. E si nota anche una forte disomogeneità: alcune zone offrono più servizi di altri.

Il presidente del Lazio Renata Polverini ha definito il Rapporto sui servizi sociali “una vera mappatura della domanda che e’ in aumento negli anni e non ha avuto una offerta adeguata. Siamo gia’ intervenuti con alcuni provvedimenti in assestamento di bilancio. Ci saranno adesso delle nuove misure, da adottare nella prossima finanziaria sulla base del rapporto che abbiamo presentato".

Ecco alcuni dati del Rapporto.

Gli utenti delle strutture e servizi socio-assistenziali

Sono 270 mila: + 10% rispetto al 2007

Di questi 270 mila:

  • 68% anziani (184 mila persone, di cui circa 9300 in strutture residenziali)
  • 29% minori
  • 1% disabili adulti (2858 persone, di cui circa 1000 in strutture residenziali)

Tra gli anziani ospiti di strutture assistenziali:

  • 61% ha più di 80 anni
  • 22,5% è non autosufficiente

52,6% dei disabili ospiti in strutture assistenziali è ospite di strutture per anziani

Più domanda che offerta

43% delle strutture dice di non avere potuto ospitare persone per carenza di posti (nel 2007)

Rapporto tra posti in strutture o servizi per anziani (residenziali o diurni) e popolazione

  • 83 posti per 1000 abitanti a Roma città
  • 87,5 in provincia di Latina
  • 115,9 in provincia di Frosinone
  • 128,4 in provincia di Roma esclusa Roma
  • 178 in provincia di Viterbo
  • 187,4 in provincia di Rieti

Rapporto tra posti in strutture o servizi per disabili (residenziali o diurni) e popolazione

  • 0,4 posti per 1000 abitanti a Roma città
  • 0,5 in provincia di Roma esclusa Roma
  • 0,7 in provincia di Frosinone
  • 0,9 in provincia di Latina
  • 1,3 in provincia di Viterbo
  • 1,4 in provincia di Rieti

Personale

30.622 persone impiegate nella rete dei servizi e delle strutture socio assistenziali del Lazio

di cui:

  • 10 mila negli asili nido
  • 4 mila nelle case di riposo
  • 3.700 nei centri diurni per anziani

76% del personale è donna

Rispetto al 2007 c’è un aumento di oltre 5 mila persone quindi circa del 16%. L’aumento percentuale varie dal 23% del comune di Roma al 6,3% di Rieti.

Titolari delle strutture socio-assistenziale

  • 28% ente religioso
  • 10% associazione
  • 25% altra struttura privata

 

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Uneba Lombardia fa ricorso contro la delibera della Regione sul blocco rette

Uneba Lombardia ha predisposto ricorso avverso la delibera della giunta regionale della Lombardia 1513/2023,e in particolare il punto
Leggi di più

Tariffe Rsa, il no di Uneba Piemonte al Patto proposto dalla Regione

“La remunerazione tariffaria dalla Regione Piemonte proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di
Leggi di più

Samaritanus Care: ecco come gli enti Uneba possono trovare infermieri

Da lunedì 4 marzo 2024 gli enti associati Uneba e gli enti associati Aris hanno una nuova opportunità,
Leggi di più

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative con Uneba Lombardia

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative. Ne sono fondatori Liuc Business School, Federazione Cure Palliative ed Uneba Lombardia Obbiettivo dell’Osservatorio
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Sponsor