A seguito dell’emergenza Coronavirus il decreto del Presidente del consiglio dei ministri del 25 febbraio ha introdotto nuove regole sul lavoro agile (smart working), in particolare per Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte e Liguria.

L’Inail, il 26 febbraio, ha pubblicato una informativa su salute e sicurezza nel lavoro agile

Anche lo smart working, infatti, è una tipologia di lavoro che soggiace alla disciplina del Testo Unico sulla Sicurezza, ovvero alle norme sulla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.