Skip to content

Fondi interprofessionali, cambiano le modalità di adesione

La circolare Inps 107 del 1° ottobre 2009 rende note nuove modalità per l’ adesione, il recesso e la mobilità tra i fondi interprofessionali.

In particolare, viene confermato che la denuncia contributiva (DM10) costituisce lo strumento con cui gli Enti potranno comunicare la loro adesione ad un Fondo, la revoca dell’adesione ovvero la revoca da un Fondo con contestuale adesione ad altro Fondo.

Le scelte di Fondo potranno aver luogo durante l’intero anno solare, e non più al 31 ottobre di ogni anno. I loro effetti decorrono dal periodo di paga (mese di competenza del DM10) in cui le modifiche vengono indicate, e non più dal 1° gennaio successivo. In caso di tardiva trasmissione della denuncia telematica, verrà presa in considerazione la data di effettivo inoltro.

La principale novità riguarda la mobilità tra Fondi interprofessionali.

Sarà infatti possibile trasferire al nuovo Fondo anche le somme confluite al Fondo precedentemente scelto, nel limite del 70% del totale di tali somme confluite nel triennio antecedente al Fondo precedente, al netto dell’ammontare eventualmente già utilizzato per il finanziamento dei propri piani formativi. L’ importo da trasferire dovrà essere almeno pari a 3.000 euro; le quote oggetto di trasferimento non potranno essere riferite a periodi antecedenti al 1° gennaio 2009.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Enti per minori: Uneba propone di costruire coordinamenti nelle regioni

“Ci lasciamo con l’impegno a cominciare a costruire nelle Regioni i coordinamenti, e poi un coordinamento nazionale”. Così
Leggi di più

Uneba lancia un’alleanza tra gli enti per il benessere di bambini e ragazzi

Creare un coordinamento degli enti per bambini e ragazzi in Campania, e poi in tutta Italia, per condividere
Leggi di più

Il convegno Uneba di Napoli su Avvenire

L’efficace azione dei centri diurni Uneba a Napoli; l’attenzione alle cura e  al rispetto del Centro Giovani di
Leggi di più

Le nuove Linee di indirizzo per le Comunità per i Minorenni

Sono le Linee di Indirizzo per l’accoglienza nei servizi residenziali per i Minorenni il cuore dell’intervento di Gianni
Leggi di più

Il Gruppo Crc per la tutela dei diritti dei minori

“Gli Enti del Terzo Settore come osservatorio diffuso per la tutela e per il monitoraggio dei diritti dei
Leggi di più

Tutela degli orfani di femminicidio: la normativa

In che modo la legge tutela gli orfani di femminicidio o di crimini domestici? Nel suo intervento di
Leggi di più

Toscana – Coordinamento Pollicino su infanzia, adolescenza e famiglia

Una delle buone pratiche di coordinamento tra enti che si occupano di minori che Uneba propone – con
Leggi di più

La Chiesa di Napoli invita Uneba a essere “protagonista del bene” con bambini e ragazzi

L’arcivescovo mons.Vincenzo Pelvi ha celebrato nella chiesa di San Carlo Borromeo al centro direzionale di Napoli la messa
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care