Skip to content

Esperti Uneba – Proposta di modifica della legge 266: se viene approvata, meno fondi al volontariato

L’articolo 5 del progetto di legge C41 presentato alla Camera dei deputati “Disposizioni in favore dei territori di montagna”, propone una modifica alla legge quadro del Volontariato l.266/91, che coinvolge direttamente i Centri di servizio per il volontariato (CSV).

Infatti i fondi destinati ai territori di montagna, tema che nessuno dubita sia meritevole, vengono attinti proprio dalle disponibilità dei Csv.

Ricostruiamo assieme la vicenda. La legge quadro del volontariato obbliga le fondazioni bancarie a destinare una quota dei propri utili ai centri di servizio del volontariato gestiti dalle stesse organizzazioni. Ai CSV viene affidato il compito di supportare il mondo del volontariato mediante attività di sensibilizzazione, formazione, consulenza e assistenza alle attività non profit del territorio di competenza. A partire da metà degli anni Novanta i CSV hanno supportato le iniziative delle associazioni di volontariato, iscritte o meno agli albi regionali, anche mediante l’assegnazione di risorse finanziarie a progetti ritenuti meritori.

Ora la proposta di legge amplia i possibili fruitori e gestori dei servizi dei CSV alle associazioni sportive dilettantistiche, alle bande e cori amatoriali, alle associazioni filodrammatiche, di musica e danza popolare, alle cooperative sociali e alle onlus.

Tale norma rischia di snaturare la natura dei CSV, nati per “servire” il volontariato, ma ora destinati ad una platea di organizzazioni che poco hanno a che fare con il mondo del volontariato.

In questi momenti di congiuntura economica sfavorevole, viste le riduzioni dei fondi messi a disposizione dalle fondazioni bancarie, le disponibilità dei CSV risultano insufficienti a fornire adeguati sostegni al volontariato, figuriamoci cosa succederà se la platea delle organizzazioni aumenterà!

L’ipotesi di utilizzare risorse ordinarie, già destinate al volontariato, per altre attività preoccupa fortemente.

Non c’è quindi da stupirsi se il Forum del Terzo Settore, CSVnet e Convol hanno bocciato la proposta di modifica della legge 266/91. In tal senso si veda anche la lettera diffusa dal neo-presidente della Conferenza Regionale del Volontariato della Regione Veneto Giovanni Grillo.

Donatello Ferrari

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care