Skip to content

Esperti Uneba – Entro martedì 2 novembre la comunicazione sulle operazioni con paesi black list

A pochi giorni dalla scadenza (2 novembre) del termine di presentazione della comunicazione dei dati sulle operazioni effettuate con paesi a fiscalità privilegiata l’Agenzia delle Entrate con la circolare 53/E del 21 ottobre, interviene per chiarire alcuni dubbi interpretativi della norma. L’adempimento riguarda anche gli enti non commerciali, per le operazioni relative all’eventuale attività commerciale svolta.

L’articolo 1 del decreto legge 40 del 25 marzo 2010 ha stabilito che i titolari di partita Iva devono comunicare all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate e ricevute nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio nei Paesi “black list”, di cui al decreto ministeriale del 4.05.99 e al decreto ministeriale del 21.11.01. Qui l’elenco dei paesi black list.

Ogni mese o ogni mesi?

L’adempimento decorre dal 1 luglio 2010 ed il relativo modello va presentato all’Agenzia delle Entrate entro l’ultimo giorno del mese successivo al periodo (trimestrale o mensile) di riferimento.

La periodicità è trimestrale per i soggetti che negli ultimi 4 trimestri precedenti e per ciascuna categoria di operazioni (beni o servizi acquistati, ovvero beni o servizi ricevuti) non hanno superato il limite trimestrale di euro 50.000.La periodicità è mensile per i soggetti che non si trovano in queste condizioni.

La sanzione se non rispetti l’adempimento

In caso di mancata comunicazione delle operazioni, ovvero di comunicazione con dati incompleti o non veritieri, si applica il doppio della sanzione di cui all’art. 11, comma 1, decreto legislativo 471/97 (da € 516 a € 4.130) per ogni singola irregolarità, senza poter fruire del c.d. “cumulo giuridico” ex art. 12, decreto legislativo 472/97: quindi uno stesso errore reiterato sconta tante sanzioni quante sono le ripetizioni dell’omissione/imprecisione effettuate.

Proroga dei termini

Il decreto ministeriale del 5 agosto 2010 ha prorogato la scadenza dei primi invii, portando il termine per l’invio delle operazioni effettuate dal 1 luglio al 30 settembre 2010 al 2 novembre 2010.

Cosa devono fare gli enti non commerciali

L’Agenzia delle Entrate nella circolare 53/E ha chiarito che per gli enti non commerciali che non hanno come oggetto principale o esclusivo lo svolgimento di un’attività commerciale “devono considerarsi escluse dalla comunicazione in commento le operazioni effettuate da tali organismi nell’ambito della propria sfera istituzionale”.

Per tali soggetti l’obbligo di comunicazione è limitato quindi ai dati relativi alle operazioni effettuate nell’ambito dell’attività commerciale o agricola esercitata dagli stessi, anche se svolta in via residuale.

L’Agenzia evidenzia poì che gli enti non commerciali si considerano soggetti passivi, in base all’art. 7-ter, comma 2, lett. b), del dpr 633/72, per le prestazioni di servizi ad essi rese anche nel caso in cui gli stessi agiscano nell’esercizio della propria attività istituzionale. Poiché tale disposizione ha valore soltanto per determinare la territorialità delle prestazioni di servizi, non sono soggette all’obbligo in esame le prestazioni di servizi riferibili all’attività istituzionale dell’ente.

In ogni caso sono esclusi dall’obbligo di comunicazione quegli enti che, effettuando solo operazioni esenti, hanno optato per la dispensa degli obblighi ex art. 36-bis del dpr 633/72. Gli stessi saranno invece obbligati a comunicare eventuali operazioni attive imponibili effettuate nei confronti di soggetti black list.

I chiarimenti della circolare 53 dell’Agenzia delle Entrate

Vanno comunicate telematicamente le seguenti operazioni:

  • cessioni di beni, comprese le esportazioni
  • prestazioni di servizi rese
  • acquisti di beni, comprese le importazioni
  • prestazioni di servizi ricevute

Sono soggette all’obbligo di comunicazione le operazioni effettuate da un operatore nazionale nei confronti di una stabile organizzazione oppure di un rappresentante fiscale di un soggetto black list, nominati in un paese non black list (Italia compresa).

Con riferimento alla prima scadenza del 2 novembre i soggetti che presentano la documentazione con scadenza mensile dovranno presentare 3 comunicazioni relative rispettivamente a luglio, agosto e settembre.

Per determinare le operazioni da considerare nel periodo di riferimento al fine dell’inclusione delle stesse nella comunicazione, ferma restando la rilevanza della data di registrazione nei registri IVA ovvero, se precedente o alternativa, nelle scritture contabili obbligatorie, per le prestazioni per le quali non è obbligatoria la registrazione (prestazioni di servizi non soggette ad IVA per carenza del requisito della territorialità e per le quali non vi è obbligo di emissione della fattura) assume rilevanza la data di registrazione nelle scritture contabili obbligatorie o, in mancanza, il momento del pagamento.

Software

Trovate qui il software necessario per la compilazione della comunicazione dei dati sulle operazioni effettuate con paesi a fiscalità privilegiata fornito dall’Agenzia delle Entrate.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Forum Non Autosufficienza a Bari, 5 proposte con Uneba Puglia

Cinque appuntamenti curati da Uneba Puglia nel Forum Non Autosufficienza Focus Puglia, in programma il 13 e 14
Leggi di più

Uneba Lombardia fa ricorso contro la delibera della Regione sul blocco rette

Uneba Lombardia ha predisposto ricorso avverso la delibera della giunta regionale della Lombardia 1513/2023,e in particolare il punto
Leggi di più

Tariffe Rsa, il no di Uneba Piemonte al Patto proposto dalla Regione

“La remunerazione tariffaria dalla Regione Piemonte proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di
Leggi di più

Samaritanus Care: ecco come gli enti Uneba possono trovare infermieri

Da lunedì 4 marzo 2024 gli enti associati Uneba e gli enti associati Aris hanno una nuova opportunità,
Leggi di più

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative con Uneba Lombardia

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative. Ne sono fondatori Liuc Business School, Federazione Cure Palliative ed Uneba Lombardia Obbiettivo dell’Osservatorio
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Sponsor