Skip to content

Esperti Uneba – Cucinare per gli ospiti di una struttura (prima parte)

L’obbiettivo non è la mera alimentazione, ma salvaguardare la qualità e il piacere del pasto”. Così spiega lo scopo del suo lavoro Raffaele Di Meglio, responsabile del servizio di ristorazione presso tutte le strutture dell’Opera Immacolata Concezione, ente associato a Uneba Veneto che gestisce servizi per anziani (principalmente) e per l’infanzia: in tutto 10 sedi e 8 cucine che ogni giorno preparano 4400 pasti.

In ragione dei suoi 27 anni di esperienza di cucina in una struttura associata, oltre alle consulenze svolte per enti pubblici nel medesimo settore di varie dimensioni, abbiamo chiesto a Di Meglio (che ringraziamo per l’estrema gentilezza assieme al responsabile delle risorse umane Fabio Toso) qualche indicazione di interesse per gli enti Uneba che quotidianamente si fanno carico anche di fornire i pasti agli ospiti e ai dipendenti.

Le leggi

Di Meglio ci ricorda brevemente il quadro legislativo per questo tipo di servizio:il punto di riferimento è il decreto legislativo 193 del 2007 sull’attuazione della direttiva europea 2004/41. Questo decreto legislativo ha abrogato il decreto legislativo 155 del 2007 che aveva introdotto in Italia il sistema Haccp. Vanno rispettati anche i dettami del testo unico sulla sicurezza del lavoro. Inoltre ci sono requisiti precisi per il “preposto”, cioè il responsabile della ristorazione in una struttura: in Veneto li stabilisce la legge regionale veneta 29/07 (articolo 4, comma 6.).

Gustare

Di Meglio preferisce però subito spostare l’attenzione soprattutto sulla dimensione umana del servizio di ristorazione. A partire dallo spirito del quotidiano cucinare. Ribadendo, come sopra anticipato, che, certo, c’è il rispetto delle necessità nutrizionali di ciascun ospite, di ciascun organismo, ma quello è un livello sottostante. Su di esso si innesta, e prevale per importanza, il salvaguardare il piacere del mangiare e dello stare a tavola.

“Dobbiamo dare gusto, non dare da mangiare”, sintetizza Di Meglio.

Anche per questo gli orari dei pasti sono abbastanza simili a quelli delle famiglie (almeno nel Nord Italia): si pranza alle 12, si cena alle 19.

Personale

Per una ristorazione di qualità servono cuochi e addetti alla cucina di qualità. Non è facile averli, spiega Di Meglio: “in una struttura piccola si lotta continuamente per contenere i costi e questo può rendere più difficile avere personale d’eccellenza. Inoltre i bravi cuochi sono ricercati da alberghi e ristoranti…”

Organizzazione del lavoro

“Bisogna sensibilizzare il personale alla massima attenzione alle esigenze dell’ospite. C’è chi già si comporta così, per sensibilità personale, ma il tutto va trasposto in regole e procedure. E’ necessario inoltre un coinvolgimento di tutto il personale coinvolto. Tutti devono essere informati di cosa succede, come anelli di una catena”

Per il personale conta la formazione. I titoli di studio non bastano, è l’esperienza che ti insegna, ad esempio, a saper riconoscere a occhio una carne che resterà morbida dopo la cottura”.

Ogni prodotto che entra nelle nostre cucine è successivamente verificato sia per la qualità che per la resa, ad esempio il calo di peso nel caso dei prodotti surgelati”.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 30 LUGLIO 2010

3 commenti

  1. Complimenti, sono pienamente daccordo con quando indicato nell’articolo, mi sarebbero piaciuti altri consigli per la gestione dei pasti nelle comunità.

    franco fiorentino

  2. Buona sera da Casa Annunziata di Schio

    Anche noi avremmo piacere di approfondire
    questo argomento, secondo noi molto, molto
    importante.
    Grazie e cordiali saluti

    Emanuela


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Uneba Lombardia fa ricorso contro la delibera della Regione sul blocco rette

Uneba Lombardia ha predisposto ricorso avverso la delibera della giunta regionale della Lombardia 1513/2023,e in particolare il punto
Leggi di più

Tariffe Rsa, il no di Uneba Piemonte al Patto proposto dalla Regione

“La remunerazione tariffaria dalla Regione Piemonte proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di
Leggi di più

Samaritanus Care: ecco come gli enti Uneba possono trovare infermieri

Da lunedì 4 marzo 2024 gli enti associati Uneba e gli enti associati Aris hanno una nuova opportunità,
Leggi di più

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative con Uneba Lombardia

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative. Ne sono fondatori Liuc Business School, Federazione Cure Palliative ed Uneba Lombardia Obbiettivo dell’Osservatorio
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Sponsor