Skip to content

Esperti Uneba – Come accertare la paternità?

L’esame del Dna dimostra la paternità

L’ordinamento italiano riconosce la prova della paternità con ogni mezzo (art. 269 del Codice civile).

Tale prova tuttavia, non è così semplice da raggiungere, e lo sviluppo scientifico-tecnologico ha assunto, in tale campo, sempre più importanza, Se infatti, la dichiarazione della madre o l’esistenza di rapporti sessuali all’epoca del concepimento non costituiscono di per sé prova certa della paternità naturale, l’accertamento mediante esami ematologici, quale l’esame del Dna, rappresenta oramai un risultato dimostrabile con un’attendibilità prossima alla certezza.

Concorda anche la Corte di Cassazione: con sentenza n. 14462/2008 ha affermato che la consulenza tecnica immunoematologia ha funzione di mezzo obiettivo di prova.

La richiesta a un presunto padre di sottoporsi all’esame del Dna non è subordinata né al fatto che sia stato provato un tradimento, né al fatto che la gravidanza sia stata tenuta nascosta (era così in passato).

L’importanza che ha assunto oggi tale prova, infatti, permette di richiederla in ogni circostanza (Corte Costituzionale. sentenza n. 266 del 6.07.2006 e Corte di Cassazione, sentenza n. 15088/2008).

Ma se il presunto padre non vuole fare il test?

Nessuno può essere costretto a sottoporsi a procedimenti invasivi della propria persona contro il suo volere. Tuttavia deve anche e soprattutto essere tutelato il diritto del figlio a conoscere le proprie origini. Per questo la giurisprudenza è intervenuta affermando che, anche quando non c’è la possibilità di fare accertamenti ematologici (come il test del Dna) circa la paternità naturale è comunque possibile arrivare alla prova della paternità attraverso la lettura di più elementi precisi e concordanti.

Afferma la Cassazione (sentenza 1733/2008) che lo stesso rifiuto del presunto padre di sottoporsi agli esami ematologici può costituire oggetto di convincimento del giudice se “globalmente considerato ed in opportuna correlazione con le dichiarazioni della madre”.

Ma se il presunto padre è morto?

Possono comunque essere effettuati test ematologici su fratelli o sorelle; se questi si rifiutano, tale atteggiamento potrà essere valutato dal giudice in modo favorevole alla paternità naturale del defunto.

E se non ci sono neppure (presunti) parenti su cui poter fare il test?

Il giudice, anche in questo caso, potrà comunque raggiungere la prova della paternità naturale del defunto attraverso la lettura di elementi tra loro concordanti quali per esempio il trattamento del presunto figlio come tale da parte del presunto padre, o la notorietà della filiazione (Cass. Civ. sentenza n. 10007/2008).

Avv. Paola Turri

Qui gli altri interventi dell’avv. Turri per www.uneba.org

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Tariffe Rsa, il no di Uneba Piemonte al Patto proposto dalla Regione

“La remunerazione tariffaria dalla Regione Piemonte proposta non è compatibile né tantomeno sufficiente per garantire un modello di
Leggi di più

Samaritanus Care: ecco come gli enti Uneba possono trovare infermieri

Da lunedì 4 marzo 2024 gli enti associati Uneba e gli enti associati Aris hanno una nuova opportunità,
Leggi di più

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative con Uneba Lombardia

Nasce l’Osservatorio Cure Palliative. Ne sono fondatori Liuc Business School, Federazione Cure Palliative ed Uneba Lombardia Obbiettivo dell’Osservatorio
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Sponsor