Skip to content

Dona un farmaco a chi ne ha bisogno

Sabato 14 febbraio si svolge la nona edizione della Giornata nazionale di raccolta del farmaco promossa dal Banco Farmaceutico, associazione nata dalla collaborazione tra Federfarma Milano e Compagnia delle Opere.

Nelle farmacie che aderiscono a questa Giornata si potranno acquistare farmaci da banco (quelli cioè venduti senza ricetta) per donarli a persone bisognose assistite dagli enti di carità convenzionati con il Banco.

Nel dettaglio:

  • qui l’elenco completo degli enti convenzionati con la Giornata di raccolta
  • qui l’elenco completo delle farmacie aderenti.
  • qui il comunicato di presentazione dell’iniziativa

 Anche i farmacisti offrono il proprio contributo di solidarietà rinunciando al proprio guadagno sui farmaci donati agli enti di carità; le aziende farmaceutiche intervengono con proprie donazioni.

Nelle farmacie aderenti saranno presenti anche dei volontari per spiegare il funzionamento dell’iniziativa. Negli anni scorsi, mediamente, una persona su due tra quelle che entravano in farmacia donava almeno un farmaco per la Raccolta.

I farmaci raccolti sono quelli indicati dagli enti stessi come i più necessari per i loro assistiti. E i veri beneficiari sono proprio le persone assistite: in molti casi, i farmaci che ricevono in dono dalla Raccolta li dovrebbero altrimenti comprare di tasca propria.

Ci sono anche alcuni enti soci Uneba tra i beneficiari delle donazioni di farmaci: ad esempio la Fondazione Piccolo Rifugio, per due sue sedi in provincia di Treviso e Venezia.

In otto anni di svolgimento della Giornata di raccolta, il Banco Farmaceutico ha raccolto circa 1 milione 400 mila medicinali per un valore di circa 8,7 milioni di euro. 

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

In ricordo delle vittime del Covid, teatro con la Rsa Vaglietti Corsini

Mercoledì 21 febbraio 2024, anniversario della primo caso di Covid accertato in Italia, all’interno del convegno Uneba Bergamo,
Leggi di più

Lombardia – Regole 2024, dgr 1513 e Piano sociosanitario, convegno Uneba Bergamo

Mercoledì 21 febbraio alle 18 alla Fondazione Anni Sereni, associato Uneba Lombardia, convegno Uneba Bergamo di aggiornamento sui
Leggi di più

Riforma Non Autosufficienza, webinar con Giunco (Don Gnocchi)

Venerdì 1 marzo dalle 9.30 alle 12.30 “Riforma non autosufficienza – Contenuti e prospettive”, webinar organizzato dalla Scuola
Leggi di più

Sponsor