Skip to content

Disabili – Compartecipazione della famiglia alla retta del centro diurno: no alla richiesta di sospensiva dell’accordo

Come racconta L’eco di Bergamo, Il Tar di Brescia ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da un gruppo di famiglie contro l’accordo sulle rette di frequenza ai Cdd (Centri diurni disabili) che prevede la compartecipazione dei parenti al costo delle rette e una tariffa unica per tutta la provincia di Bergamo.

L’accordo quindi non viene sospeso, bensì resta in vigore e produce i suoi effetti. In attesa – ma ci vorranno mesi o anni – che il Tar si pronunci nel merito e decida se l’accordo è legittimo oppure no.

La sentenza riconosce che il protocollo impugnato è stato il risultato di un percorso partecipativo, ma senza norme più chiare gli interventi sociali nei Comuni risultano più a rischio.

Il protocollo era stato firmato il 10 marzo scorso, frutto del lavoro di Asl, Comuni, rappresentanti delle famiglie, terzo settore (compresi i patronati sindacali).

“La difficoltà ad approdare a una soluzione unitaria provinciale – spiega l’Eco – stava nella storia molto differenziata di ogni Comune: c’è chi pagava molto, chi pagava poco e chi pagava nulla o quasi”.

L’accordo del 10 marzo riconosce al gestore del centro diurno per disabili una retta giornaliera per ospite di euro 104 compreso il servizio di trasporto. La quota è coperta da un contributo variabile da 44 a 57 euro (a seconda della classe Sidi, cioè della gravità delle condizioni della persona) al giorno del Fondo Sanitario Regionale, più 861,03 euro al mese dei Comuni o degli Ambiti territoriali di residenza della persona con disabilità. A queste due fonti si aggiunge la terza: alle famiglie è richiesto un contributo di 196,05 euro al mese.

La Conferenza dei sindaci della Asl di Bergamo attraverso la Consulta di orientamento sulla legge 328/00 si era espressa a favore dell’accordo e contro il ricorso con questo documento.

Anche la Cgil di Bergamo si è pronunciata a favore dell’accordo. Come ha dichiarato all’Eco di Bergamo Orazio Amboni per il sindacato: “È di immediata evidenza cosa succederebbe se di colpo i Comuni dovessero farsi carico in toto della spesa, ad esempio, delle rette per ricovero in case di riposo (…). Succederebbe che le risorse disponibili sarebbero interamente assorbite da questo tipo di servizio lasciando senza risposta altri bisogni. Nel caso dei Cdd, l’accordo potrà essere rivisto e migliorato, ad esempio sulle spese di trasporto o superando la retta unica e introducendo le fasce Isee, ma sempre col metodo del confronto e della partecipazione”.

1 Comment

  1. vorrei sapere se almeno fosse possibile detrarre dalla dichiarazione. Al momento mi dicono che nn sia possibile.


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care