Skip to content

Come sta l’Italia?

Il ministro del welfare Maurizio Sacconi ha presentato giovedì 10 dicembre la Relazione sullo stato sanitario del paese per il periodo 2007-2008, una sorta di fotografia della salute degli italiani.

  • qui la presentazione ufficiale
  • qui un’ampia sintesi della Relazione

Estraiamo e proponiamo alcuni dati che ci paiono significativi:

Nascita

L’età media della donna alla nascita del primo figlio è 30 anni. Gli aborti sono in diminuzione; una interruzione di gravidanza su tre è fatta da donne straniere. La mortalità infantile negli ultimi 15 anni è in netta diminuzione.

Vecchiaia

Nel 2009 l’indice di vecchiaia (rapporto tra chi ha più di 65 anni e chi meno di 15) è pari a 143%. Un italiano su cinque ha più di 64 anni. I minorenni sono il 17%. Invecchiano di più nord e centro Italia. La speranza di vita nel 2006 è di 78,4 anni per gli uomini e 84 per le donne.

Tra le malattie più diffuse negli ultrasessantacinquenni l’artrosi e l’artrite (56,4%) seguite dall’ipertensione arteriosa (40,5%). Nel 2006 oltre 4 milioni e 800 mila ricoveri, 37% dei totali, hanno interessato persone con più di 64 anni.

Autosufficienza

Un uomo di 65 anni ha un’aspettativa di vita (dati 2005) di 17,5 anni di cui 14,9 di piena autonomia (cioè senza disabilità); una donna di 65 anni ha un’aspettativa di vita di 21,3 anni di cui 16,2 di piena autonomia.

L’Istat stima che tra il 2004 e il 2005 le persone con disabilità, cioè non in grado di svolgere almeno una delle attività della vita quotidiana, sono circa 2 milioni e 600 mila (delle quali il 66% sono donne), pari a circa il 5% della popolazione italiana. Sono di più al sud.

Si stima che in Italia ci sia circa 1 milione di persone affette da demenza, di cui il 60% con Alzheimer.

Risorse

La spesa sanitaria pubblica riguarda oltre il 6,5 del Pil.

Nella sua introduzione alla Relazione, il nuovo ministro della salute Ferruccio Fazio conclude scrivendo che “la non autosufficienza e le malattie ad alto costo di trattamento tenderanno ad assorbire quote crescenti delle limitate risorse a disposizione, con la conseguente necessità che per continuare a garantire il complesso di prestazioni attualmente erogate con i LEA, dovremo incrementare l’efficienza e l’appropriatezza nell’utilizzo delle risorse finanziarie, umane e strumentali del SSN”.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

In ricordo delle vittime del Covid, teatro con la Rsa Vaglietti Corsini

Mercoledì 21 febbraio 2024, anniversario della primo caso di Covid accertato in Italia, all’interno del convegno Uneba Bergamo,
Leggi di più

Sponsor