Come segnala il settimanale Vita in questo articolo, lo Stato ha avviato, due anni dopo le preferenze espresse dai contribuenti, la procedura per il pagamento di quanto spetta del 5 per mille del 2006. Ma le prime procedure sono state avviate dal competente Ministero dell’istruzione per gli enti della ricerca scientifica, uno dei possibili beneficiari del 5 per mille.

Ancora nessuna notizia invece per i pagamenti alle onlus, altro, e numericamente maggioritario, possibile beneficiario. Incertezza – aggiunge Vita- anche su chi nel nuovo governo Berlusconi sarà referente generale sul tema del 5 per mille.