Skip to content

Al Senato la proposta di legge sul prepensionamento dei famigliari di disabili gravi

Dopo essere stata approvata quasi all’unanimità alla Camera è arrivata al Senato la proposta di legge “Norme in favore dei lavoratori che assistono familiari gravemente disabili” sul prepensionamento dei familiari di disabili gravi, cioè in condizione di totale inabilità lavorativa, con il 100% di invalidità e bisognosi di assistenza continua.

Qui il testo della proposta di legge all’esame del Senato.

E’ la sintesi di quattordici proposte di legge preesistenti presentate da diversi schieramenti politici.

Il testo prevede che i dipendenti pubblici che si prendono cura di un familiare possano beneficiare, dopo 35 anni di contributi, di un periodo di cinque anni di esonero anticipato dal servizio con il 70 per cento della retribuzione complessiva.

Per i lavoratori del settore privato è previsto un vero e proprio prepensionamento, a queste condizioni: la lavoratrice deve avere almeno 55 anni di età (il lavoratore 60), avere almeno 20 anni di contributi e deve aver convissuto ed essersi presa cura del familiare negli ultimi 18 anni.

Per i lavoratori del settore privato, in ogni caso, il prepensionamento è istituito, in base alla proposta di legge, “in via sperimentale per il triennio 2010-2012”.

Il beneficio spetta solo al coniuge, al genitore o al figlio della persona con disabilità; solo nel caso in cui questi famigliari siano impossibilitati a fornire cura, fratelli e sorelle possono usufruire del beneficio. In ogni caso ne può usufruire una sola persona per nucleo famigliare.

La proposta di legge stabilisce anche come presentare la domanda di prepensionamento E fissa a copertura delle spese un fondo apposito presso l’Inps e della consistenza di 85,2 milioni per il 2010, 106,9 milioni di euro per il 2011 e 148,5 milioni per il 2012.

La proposta di legge è stata approvata dalla Camera il 19 maggio e trasmessa al Senato il 21 maggio. Il 1 giugno è stata assegnata alla Commissione lavoro del Senato, ma non ne è ancora iniziato l’esame.

Qui i dettagli sull’iter della legge.

1 commento

  1. Probabilmente se si dovevano aumentare gli stipendi il senato avreppe approvato immediatamente


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor