Skip to content

Aikido e disabili, l’esperienza del Piccolo Rifugio

Da ottobre 2008 presso il Piccolo Rifugio di Vittorio Veneto (Tv), comunità residenziale per persone con disabilità associata a Uneba Veneto, è iniziata la sperimentazione di corsi di aikido, un’arte marziale giapponese, rivolti agli ospiti.

Sono stati gli atleti dell’aikido Vittorio Veneto a proporre l’iniziativa al Piccolo Rifugio. D’intesa con gli educatori e fisioterapisti della struttura, hanno studiato come garantire che la pratica dell’aikido fosse compatibile con le disabilità dei circa 10 partecipanti in due anni e come far sì che ne ricavassero beneficio fisico. Che si aggiunge ovviamente alle ricadute positive per lo stimolo che ricevono e per l’esperienza di amicizia che vivono. Altro beneficio è per l’autostima: alcuni ospiti del Piccolo Rifugio in primavera 2009 hanno potuto sostenere regolare esame e diventare cintura gialla di aikido.

 Se la sperimentazione di aikido con le persone con disabilità era già di per sé cosa assai rara, probabilmente unica è l’esperienza avviata da ottobre 2009. Quando una delle ospiti che aveva partecipato all’esperienza di aikido, per un peggioramento delle sue condizioni fisiche, è stata costretta alla sedia a rotelle, ha voluto lo stesso continuare la pratica sportiva. I due allenatori volontari dell’Aikido Vittorio Veneto, Luca Gri e Sandro Lucagnano, hanno allora dovuto adattare l’aikido alla sedia a rotelle, verificando nella pratica che quasi tutte le tecniche di aikido possono essere eseguite anche da chi è in carrozzina.

 L’esperienza dell’aikido in carrozzina è stata poi presentata a fine maggio a uno stage con i migliori aikidoka d’Italia della Filjkam, la federazione delle arti marziali del Coni. Qui sotto alcune foto.

 Maggiori informazioni sulla sperimentazione di aikido con i disabili qui, qui, qui.

 

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

“Perche’ sono in Rsa?” – Bugie e verità, corso gratuito con Uneba Varese

“Perché sono qui in Rsa? – chiede l’anziana accolta da poco –  Quanto tempo devo rimanere? Che malattie
Leggi di più

Progetto di vita individuale per persone con disabilità – Corso Anffas

Ha il patrocinio di Uneba Veneto il corso di formazione gratuito “La progettazione individuale, personalizzata e partecipata per
Leggi di più

Il ricordo e la memoria nei percorsi dell’invecchiamento – Convegno

Sollecitare gli operatori che lavorano nei centri servizi per anziani a costruire percorsi di stimolo del ricordo e
Leggi di più

Don Gnocchi, Barbante confermato presidente

Don Vincenzo Barbante è stato riconfermato alla presidenza della Fondazione Don Gnocchi, ente associato Uneba, per il triennio
Leggi di più

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

Sponsor