sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Infermieri in rsa e nella domiciliarità – Il presidente Uneba Franco Massi al congresso Fnopi (Ipasvi)

La neonata Federazione Nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche sceglie Uneba tra i suoi interlocutori istituzionali più importanti.

 

Il presidente nazionale Uneba Franco Massi, infatti, ha partecipato, su invito della presidente Ipasvi Barbara Mangiacavalli al talk  “Mondo del lavoro: esercitare in sicurezza”, nell’ambito del primo congresso nazionale Fnopi, a Roma martedì 6 marzo.

 

Assieme ad Uneba, hanno partecipato al dibattito rappresentanti di Inail, Fiaso, Confcooperative, Aiop, Fnopi e sindacati.

 

 

Le strutture per anziani e per disabili quali quelle associate Uneba, ha spiegato Massi nel suo intervento, sono oggi uno sbocco professionale interessante per gli infermieri. Dato che l’ingresso in struttura avviene ormai solitamente quando le condizioni di salute sono assai fragili, oggi le rsa per anziani, ad esempio, sono quasi come dei reparti ospedalieri, in cui mettere in pratica competenze multiple, dalla medicina generale alla riabilitazione alla geriatria, per rispondere ai bisogni di anziani che spesso hanno più patologie contemporaneamente. Ma il futuro dell’infermiere, ha ricordato Massi, sarà sempre di più sul territorio: la sua professionalità è e sarà fondamentale nell’assistenza domiciliare integrata, nelle cure palliative, nella gestione della cronicità.

Ma l’importanza dell’infermiere non si limita all’ambito sanitario. L’infermiere è al centro di una rete di rapporti: con i dirigenti medici, come coordinatore del personale ausiliario, con i famigliari e, soprattutto, con le persone assistite. Ha una funzione psicologica e sociale, non solo sanitaria”.

 

Salvo qualche eccezioni, le strutture sociosanitarie oggi fanno meno fatica di un tempo a trovare infermieri, anche a causa del blocco del turnover, e quindi di nuove assunzioni, nel settore pubblico.
Sul tema della sicurezza, Massi ha anzitutto insistito sulla necessità di prevenzione, ma sulla prevenzione si investe poco, come confermano i dati nazionali.

 

Uneba si impegna per la prevenzione: ad esempio con la sperimentazione condivisa con Inail e con le Asl di Milano per la rilevazione degli infortuni e dei quasi infortuni. Proprio la rilevazione e segnalazione dei quasi infortuni, spesso trascurata, è fondamentale per poter fare prevenzione, intervenendo sulle attrezzature, sull’organizzazione, sulla formazione.

 

“Non si tratta di dare solo una risposta a un bisogno sanitario, ma aiutare a definire un progetto di vita. E per questo compito, chi meglio dell’infermiere professionale?
Solo guardando al progetto di vita e alla complessità della persona possiamo migliorare la qualità della vita della persona assistita… e anche dare centralità alla vostra professione”, ha chiuso Massi, rivolgendosi alle migliaia di infermieri in platea.

Scrivi un commento