sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Friuli Venezia Giulia – Anziani, salute, povertà, i dati del Rapporto Statistico regionale

Come stanno gli abitanti del Friuli Venezia Giulia?

Da qualche risposta il Rapporto statistico FVG 2015 diffuso dalla Regione, che riporta dati relativi al 2014. Ne estraiamo qualcuno.

Vecchiaia – La provincia di Trieste è quella più anziana: ha i valori più alti sia nell’età media che nell’indice di vecchiaia (rapporto tra over 65 e under 14) e nell’indice di dipendenza senile (rapporto tra over 65 e popolazione tra 15 e 64 anni). In sostanza in provincia di Trieste gli anziani sono due volte e mezzo i giovani e ogni 100 persone in età lavorativa ce ne sono quasi 66 in età di pensione…e di vecchiaia. In tutte le province, comunque, l’indice di vecchiaia è nettamente superiore a quello di tutta Italia, che al 1 gennaio 2014 era 154.

vecchiaia fvg

Salute – Malgrado la descrizione che i cittadini del FVG danno del proprio stato di salute sia leggermente migliore di quella degli italiani nel complesso, in un solo anno la percentuale di persone che dichiarano di avere una o due malattie croniche è salita del 5,7%; oltre il 40% della popolazione regionale afferma di averne almeno una. Il 19% si dichiara affetto da ipertensione, il 16% da artrite ed artrosi.

malattie fvg

Sanità – Rispetto al 2013 i posti letto ospedalieria totali sono diminuiti del 2,1%. il tasso di occupazione dei posti letto è in media pari al 72,4% nel caso dei ricoveri ordinari e al 91,8% nel caso di day hospital.

Assistenza domiciliare – In ogni distretto della Regione è garantita un’offerta per 12 ore nei giorni feriali e, con poche eccezioni, anche nei giorni prefestivi e festivi.

assistenza domiciliare fvg

Volontariato – Il 12,9% dei residenti di 14 anni e più ha dichiarato di aver svolto nell’ultimo anno attività gratuita per associazioni di volontariato. Il dato per tutta l’Italia è 10,1%.

Povertà – Il rischio di povertà o esclusione sociale riguarda il 16,7% dei residenti (Italia: 28,4%)

Scrivi un commento