sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Fondazione Sacra Famiglia e il Bilancio di Missione: intervista al direttore Paolo Pigni

L’associato Uneba Lombardia Fondazione Sacra Famiglia – 23 sedi in 3 regioni, quasi 13.000 utenti- ha presentato venerdì 29 giugno nell’aula magna dell’Università Bocconi di Milano il suo Bilancio di Missione 2017. Un documento che “focalizza le cose che facciamo e il senso per cui le facciamo”, spiega il direttore generale Paolo Pigniwww.uneba.org lo ha intervistato per approfondire il legame del Bilancio di Missione con l’attività quotidiana dell’ente e la possibilità anche per altri enti di dotarsi di un Bilancio di Missione.

E’ da cinque anni che fate il Bilancio di Missione. Quello di quest’anno, la Fondazione ha scritto su Facebook, “è dedicato ai territori”. In che senso?

“A settembre – risponde Paolo Pigni – presenteremo delle sezioni separate del Bilancio, con approfondimenti sui singoli territori: non solo per una logica di comunicazione, ma anche perché vogliamo impostare il piano strategico della nostra Fondazione proprio sul rapporto con le comunità E, nello sviluppo delle attività, guardare ai legami e ai bisogni del territorio prima che a una logica di mercato pura e semplice, ovviamente continuando a fare ciò che sappiamo fare e non altro, e mantenendo e migliorando la sostenibilità della Fondazione, con uno stabile pareggio di bilancio come obbiettivo”.

A chi è destinato il Bilancio di Missione? Chi lo leggerà?

“Oltre a pubblicare il Bilancio sul sito, ne abbiamo stampato 2500 copie che invieremo a tutti i nostri stakeholder: dalla politica a chi ci aiuta nella raccolta fondi, dalle aziende con cui collaboriamo a famigliari ed amici (delle persone accolte nelle nostre strutture). Inoltre invieremo il Bilancio anche a tutti i parroci delle 1104 parrocchie della Diocesi di Milano. Ci teniamo a recuperare un legame che nel tempo si è allentato, ed ad essere parte attiva della comunità cristiana, in cui trovare amici e sostenitori che portino contenuti, consigli, valutazioni. Anche perché siamo molto radicati nella Diocesi e nel nostro operato c’è un fortissimo riferimento ai valori dell’umanesimo cristiano”.

Un ente Uneba è intenzionato a realizzare il Bilancio di Missione. Che consiglio può dargli?

“Per realizzare il Bilancio di Missione è fondamentale anzitutto avere un’idea precisa di qual è la tua missione come ente. E poi dare al bilancio un ‘taglio’ che sia anche un obbiettivo di comunicazione, e per ogni anno, e ogni edizione del Bilancio, scegliere che aspetto valorizzare”.

Avete commissionato il lavoro ad un professionista esterno?

“Lo abbiamo fatto tutto con risorse interne, grazie al fatto che negli ultimi anni ci siamo strutturati con un ufficio comunicazione, un ufficio controllo di gestione, e un ufficio progetti. Sono soprattutto questi tre a seguire il Bilancio. Un componente dell’ufficio comunicazione fa da coordinatore”.

Quasi tutti gli enti associati Uneba sono più piccoli o molto più piccoli della vostra Fondazione. Anche per loro può essere utile il Bilancio di Missione?

“Penso per esempio a un caso tipico: una rsa radicata nella sua comunità. Una struttura che si regge malgrado le difficoltà economiche e burocratiche, e i problemi del territorio. Per una realtà del genere, è fondamentale rialzare la testa e dire alla propria comunità: sostienici, perché noi produciamo valore per te. E dirlo attraverso i numeri. Come quello del moltiplicatore del valore sociale, un tema a cui crediamo molto, e che noi in Sacra Famiglia abbiamo elaborato grazie al coinvolgimento del professor Marco Grumo.

La nostra Fondazione, comunque, è disponibile a collaborare con altri enti Uneba che vogliano avviare il bilancio di missione, e a presentare la nostra esperienza”.

Il sito www.uneba.org è a disposizione per raccontare i progetti, le iniziative, le buone pratiche degli enti associati. Per informazioni scrivere a info@uneba.org

Scrivi un commento