sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Assistenza domiciliare e tecnologia: non solo abbattere barriere architettoniche ma creare veri “ambienti fruibili”

A “Telemedicina e Domotica: nuove possibilità per il benessere dell’anziano” è stata dedicata l’ultima sessione del convegno Uneba sull’assistenza domiciliare, coordinata da Andrea Blandi, presidente di Uneba Toscana.

Paolo Cristiani del Consorzio di Bioingegneria e Informatica Medica è intervenuto sul tema “Information Technology e Well Ageing tra tecnologia e organizzazione”: dopo l’excursus sulle possibilità della tecnologia per il benessere degli anziani -anche con “giochi seri” per la valutazione cognitiva- ha anche ricordato, nell’ultima delle sue slide, perché non tutte le logiche dell’economia si possono applicare alla sanità: c’è asimmetria dell’informazione, c’è incertezza del prodotto, i costi sono spesso sostenuti da un terzo (es. il SSN) e non dal cliente/paziente, il divieto di comparare le prestazioni.

Secondo Alberto Fontana, direttore del centro clinico Nemo, “La sfida, in particolare per l’assistenza domiciliare, sta nel “passare dalla logica della “eliminazione delle barriere architettoniche” ad una più ampia visione di sistema che porti a creare “ambienti fruibili”, che sviluppino interventi e sistemi di controllo ambientale per consentire alla persona disabile di sperimentare l’autonomia nei gesti quotidiani e nel proprio ambiente di vita. (…)Passi importanti e fondamentali che migliorano l’autonomia, ma che non sostituiscono, in molti casi, la necessità di un supporto costante alle funzioni vitali della persona, attraverso la presenza assidua di chi accudisce”.

Sauro Longhi dell’Università Politecnica delle Marche, nel suo intervento “Come le tecnologie possono integrarsi nell’assistenza domiciliare”, ha insistito sulle modifiche che incontrerà la nostra società, dall’invecchiamento al contatto con altre culture, e su come gfar diventare socialmente accettate per la loro presenza nelle nostre case alcune tecnologie – quali ad esempio quelle per la misurazione costante dei parametri vitali- esattamente come lo sono diventate altre, dai computer fino ai piccoli robot-aspirapolvere.

Scrivi un commento