Skip to content

Nel 2020 più anziani “disabili” (cioè non autosufficienti) soprattutto tra le donne e le persone con più di 85 anni

Queste sono le previsioni di crescita dell’Istat per la popolazione anziana in Italia.

Persone con più di 65 anni

  • anno 2000: 10,4 milioni
  • anno 2010: 12,3 milioni
  • anno 2020: 14,1 milioni

Persone con più di 80 anni

  • anno 2000: 2,3 milioni
  • anno 2010: 3,6 milioni
  • anno 2020: 4,6 milioni

La popolazione anziana è destinata ad aumentare. Ma come cambierà la popolazione di anziani disabili?

Prova a rispondere questo articolo di Fausta Ongaro e Giovanna Boccuzzo pubblicato su www.neodemos.it e corredato anche di tabelle.

Per disabili si intendono anziani impossibilitati a muoversi, o a prendersi cura di sé, o ciechi, o sordi, o non in grado di esprimersi a parole. Una categoria che di fatto si avvicina a quella di “non autosufficienti” di uso comune nel nostro settore.

"Disabili" a più tarda età

Le due studiose affermano che nel corso del tempo sembra profilarsi un progressivo spostamento della disabilità verso le classi di età più alte. Si prevede che nel 2020 circa il 50% degli uomini e più del 60% delle donne con più di 85 anni sarà disabile.

Cioè: ci saranno sempre più disabili tra le persone con più di 85 anni, mentre progressivamente calante sarà la percentuale di anziani disabili nella fascia di età 65-84.

Si diventerà disabili sempre piu’ tardi.

Aumentano gli anziani disabili: 2,8 milioni nel 2020

Tenendo conto dell’aumento della popolazione, si puo’ quindi concludere che da qui al 2020 il numero di anziani disabili è destinato a crescere. Rispetto a oggi, ci saranno più anziani disabili con più di 85 anni, e un maggior numero di donne.

Ongaro e Boccuzzo arrivano a stimare che nel 2020 ci saranno circa 2,8 milioni di “anziani disabili” in Italia, contro 2,2 milioni nel 2005.

Nuovi anziani, nuova domanda di assistenza

Conclude lo studio: “nel prossimo decennio gli anziani disabili aumenteranno più velocemente degli anziani nel loro complesso. Non solo, poiché la disabilità tenderà a concentrarsi nelle età più avanzate, ci si dovrà preparare a rispondere a una domanda di assistenza complessa, espressa da una popolazione multicronica sempre più fragile, a cui la rete familiare informale, già ridotta di dimensioni e disponibilità, farà fatica a dare risposte adeguate”.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care