sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba main sponsor uneba

Welfare – Gli enti locali si affidano al terzo settore ma non lo coinvolgono nella programmazione

L’Auser ha presentato mercoledì 13 la “Sesta rilevazione nazionale sul rapporto fra Enti Locali e Terzo Settore”

Ecco alcuni dati che emergono dal rapporto.

Secondo i dati del Ministero dell’interno, in Italia 42% degli interventi sociali è gestito direttamente dai Comuni. La quota si riduce al 26 % nel Nordovest e si eleva invece fino al 53,8% nel Sud. Le modalità di gestione alternative riguardano soprattutto consorzi e convenzioni (21%) e appalti (12%).

L’affidamento diretto per la gestione di servizi sociali, quindi senza confrontare le offerte di concorrenti diversi, riguarda:

  • 35% delle procedure al Sud e nelle Isole
  • 33% al Centro
  • 22% al Nordovest
  • 26% al Nordest

La gestione della spesa sociale comunale affidata all’esterno viene impiegata principalmente a favore delle cooperative sociali, soprattutto nel Nord Italia (72% nel Nordovest e nel Nord-Est). Le associazioni di volontariato risultano affidatarie dei servizi sociali principalmente al Sud e al Centro (32%).

Le cooperative sociali gestiscono in particolare servizi di assistenza domiciliare agli anziani, interventi assistenziali di base (gestione di centri con ospiti residenziali), e servizi all’infanzia. Alle associazioni di volontariato i Comuni affidano in particolare la gestione di servizi cosiddetti innovativi e integrativi

La rilevazione evidenzia anche l’assenza di procedure che promuovano la partecipazione delle strutture private alla programmazione territoriale.

“Gli enti locali – scrive Auser – non hanno applicato gli indirizzi della riforma dell’assistenza (legge 328/2000decreto del presidente del consiglio dei ministri 30 marzo 2001 su “Ruolo dei soggetti del Terzo Settore nella programmazione progettazione e gestione dei servizi alla persona”) per la diffusione delle forme di aggiudicazione cosiddette negoziate, volte cioè a sviluppare – attraverso le formule dell’”appalto concorso” e della “co-progettazione” – le capacità progettuali dei concorrenti del Terzo Settore.




Scrivi un commento