Skip to content

Visite agli anziani: per le Rsa la difficoltà di garantire sia le relazioni umane che la protezione dal Covid

Sul tema della gestione delle visite agli ospiti delle strutture sociosanitarie in questo periodo di emergenza dovuto alla pandemia, su cui tante voci già si sono espresse, pubblichiamo un intervento del presidente nazionale Uneba Franco Massi.

Nelle nostre strutture accogliamo persone fragili, e offriamo loro il conforto di una vita di comunità, con trame il più possibile fitte di relazioni.
Con il Covid fragilità e vita di comunità diventano fattori di rischio, ma restano elementi irrinunciabili.
Con pandemia ci ritroviamo stretti tra due doveri, che per noi operatori del non profit sono anzitutto doveri etici e di fedeltà ai nostri valori.
Da un lato, vogliamo e dobbiamo continuare a garantire a chi accogliamo vita di comunità e relazioni umane, fondamentali per la loro serenità; dall’altro, dobbiamo e vogliamo continuare a proteggere dal pericolo di contagio le persone accolte , i lavoratori delle strutture, le loro famiglie. E sentiamo forte la responsabilità di proteggere anche le nostre comunità e territori: non vogliamo assolutamente essere focolai.

Ma purtroppo i due doveri sono in conflitto.
Più permettiamo a un anziano incontri e relazioni, meno lo proteggiamo dal contagio. Oltre a mettere a rischio chi lavora con lei/lui e chi lo incontra.
Più lo proteggiamo dal contagio, meno gli permettiamo vita di relazione. Ma allo stesso tempo comprendiamo il disagio di quei familiari che tanto vorrebbero incontrare il loro caro, a conforto suo e loro.

LIBERTA’ O PROTEZIONE
Le strutture Uneba vivono, mille volte amplificato, lo stesso dilemma delle scuole, di tutti noi. Lo stesso su cui dibatte la politica. Allentare le restrizioni o mantenerle? Più libertà o più protezione?
Inoltre, fin dall’inizio della pandemia, tantissime strutture hanno attivato servizio di videochiamata anziani-famiglie, aiutando gli anziani a utilizzare questo strumento che permette contatti e relazioni, seppur con i limiti della distanza.

Lo dicono esperti e numeri: le misure di prevenzione particolarmente restrittive adottate dall’Italia sono probabilmente uno dei motivi per cui oggi il Covid19 ha numeri inferiori da noi rispetto a molti paesi vicini. L’enorme sacrificio di limitare i contatti con e delle persone più fragili è una di queste misure.

FERITI, MA INDISPENSABILI
Nessuno più delle strutture sociosanitarie e assistenziali per anziani e persone con disabilità ha sofferto la pandemia. Nei primi mesi, malgrado anche le nostre strutture siano parte appueno del Sistema Sanitario Nazionale, attenzione e risorse sono state tutte e solo per gli ospedali.
Reperire mascherine e altri DPI era impossibile, malgrado a gran voce noi di Uneba, e altri li chiedessimo. Mesi abbiamo dovuto attendere e insistere per avere tamponi per gli ospiti e per il personale.

Che l’esperienza drammatica della pandemia ci indichi vie di miglioramento per le strutture sociosanitarie è evidente.
Ma immaginare la completa chiusura delle Rsa è folle. I posti letto in residenze sanitarie per anziani e persone con disabilità in Italia sono oltre 300 mila. Molte di queste donne e uomini sono in condizioni di salute troppo fragili per essere assistiti da famigliari, oltretutto spesso privi di preparazione specifica. Molti sono senza famiglia, o hanno famiglie – ad esempio, famiglie composte da una sola persona- in cui sarebbe impossibile accogliere l’anziano in casa. Esistono patologie neurodegenerative assai difficili da gestire in famiglia, anche per le conseguenze sulle relazioni in famiglia. L’assistenza domiciliare non può essere totale.Molti anziani non autosufficienti, se non fossero accolti nelle strutture residenziali, non sarebbero a casa: sarebbero lungodegenti in ospedale.

Siamo convinti fautori della necessità di un dibattito sul futuro dei servizi sociosanitari residenziali, dell’assistenza domiciliare e dei servizi territoriali, perchè l’esperienza dolorosa del Covid19 ci aiuti a offrire un servizio sempre migliore alle persone più fragili nelle nostre comunità.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Regione Sicilia, Uneba nel Comitato per i servizi socio assistenziali

Predisporre schemi di convenzione, standard dei servizi socio assistenziali e piani di formazione del personale. Sono questi i
Leggi di più

Uneba: per la fragilità servono centri multiservizi e programmazione regionale

Il ruolo fondamentale del sociosanitario, ed in particolare degli enti non profit, nella servizi territoriali per le fragilità
Leggi di più

Settimana Sociale: curare i fragili è risanare la democrazia

“Al cuore della democrazia”, questo il tema della 50’ Settimana Sociale dei Cattolici in Italia svoltasi a Trieste
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care