La giunta della Regione Veneto ha approvato il 1 luglio il “Modello organizzativo per la gestione della sicurezza del paziente nel sistema socio-sanitario del Veneto”.

Il Modello è stato predisposto dal Coordinamento per la sicurezza del paziente (istituito dalla Regione con delibera 4445/2006). Le aziende sanitarie regionali dovranno adottare l’atto di istituzione di questo Modello entro il 31 ottobre 2008.

La Regione propone inoltre di adottare il modello (anche se non in maniera vincolante e con la possibilità di adattamento) anche “alle strutture private accreditate (anche provvisoriamente) che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero ed ai Centri di Servizi per persone anziane non autosufficienti”.

Viene inoltre introdotta la figura del Responsabile delle funzioni per la sicurezza del paziente e ne vengono stabiliti i compiti.

Nominare una persona per questo ruolo, precisa la Regione, “costituisce requisito per l’accreditamento di tutte le strutture sanitarie (pubbliche e private) che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e per le strutture socio-sanitarie limitatamente ai Centri di Servizi per persone anziane non autosufficienti”.

Nelle strutture private che effettuano ricoveri è l’amministratore a nominare il Responsabile, scegliendolo tra il personale medico, nei centri di servizi è possibile scegliere il Responsabile anche all’interno del personale sanitario. Diverse e più stringenti regole per la sua nomina si applicano alle strutture pubbliche.

Qui il testo della delibera con cui si adotta il Modello organizzativo.

Qui, nell’allegato A, il testo del Modello, compreso l’approfondimento sul Responsabile delle funzioni per la sicurezza del paziente.