Skip to content

Veneto – Delibera 1199 sulla scheda Svama, gli effetti non sono retroattivi

Scambio di lettere tra l’Uripa e il direttore generale dei servizi sociali del Veneto Michele Maglio sul tema della scheda Svama (per la valutazione delle condizioni dell’anziano per poter poi determinare l’assistenza cui ha diritto) e in particolare delle modifiche in materia introdotte dalla delibera della giunta regionale 1133/08, in vigore da giugno.

Qui il modello rinnovato di scheda Svama voluto dalla delibera regionale.

Uripa segnala alcune criticità del nuovo modello, in particolare per il punteggio minimo di 60 punti stabilito dalla delibera per poter accedere ai servizi residenziali per non autosufficienti.

Le critiche di Uripa:

  • le modifiche introdotte dalla delibera verrebbero, secondo alcune fonti, applicate anche a chi era già titolare di scheda Svama, e questo avrebbe potuto portare alla perdita del diritto all’assistenza
  • richieste di assistenza temporanea e definitiva vengono considerate allo stesso modo secondo alcuni parametri
  • chi aveva richiesto accoglienza temporanea e prima di giugno 2008 aveva ottenuto il rilascio della prevista autorizzazione ora, retroattivamente, verrebbe privato della possibilità di ottenere il rilascio dell’impegnativa di residenzialità

Nella sua risposta, il direttore Maglio, d’accordo con l’assessore al sociale Stefano Valdegamberi, rassicura di fatto Uripa precisando:

  • che il minimo di 60 punti va applicato solo dall’entrata in vigore della delibera 1133/08
  • che per l’accoglienza temporanea non vale la soglia dei 60 punti
  • che chi è stato autorizzato all’accesso alla residenzialità prima della delibera conserva il diritto acquisito, anche se ha punteggio inferiore a 60

Nella parte riservata del sito la lettera di Uripa e la risposta della Regione.

Nessun commento ancora, aggiungi il tuo qui sotto!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Lombardia – Dgr 1513, Regole, Piano sociosanitario: slide di Marchesi

“RSA: le Regole di sistema Regionali, la DGR 1513 e il Piano Sociosanitario Regionale” è il titolo della
Leggi di più

Blocco delle rette Rsa in Lombardia: profili di illegittimità

Il blocco agli aumenti delle rette di compartecipazione dell’utenza per le unità d’offerta stabilito da Regione Lombardia è
Leggi di più

Divieto di fattura elettronica per le prestazioni sociosanitarie

Prorogato per il 2024 il divieto di fatturazione elettronica per i soggetti Iva che effettuano prestazioni sanitarie e
Leggi di più

Rsa necessaria, Rsa accogliente – Le Iene a Casa Simonetti

Una madre novantenne,  Teresa, e un figlio malato di Parkinson, Bruno, in condizioni economiche e sociali fragili. Non
Leggi di più

In ricordo delle vittime del Covid, teatro con la Rsa Vaglietti Corsini

Mercoledì 21 febbraio 2024, anniversario della primo caso di Covid accertato in Italia, all’interno del convegno Uneba Bergamo,
Leggi di più

Lombardia – Regole 2024, dgr 1513 e Piano sociosanitario, convegno Uneba Bergamo

Mercoledì 21 febbraio alle 18 alla Fondazione Anni Sereni, associato Uneba Lombardia, convegno Uneba Bergamo di aggiornamento sui
Leggi di più

Riforma Non Autosufficienza, webinar con Giunco (Don Gnocchi)

Venerdì 1 marzo dalle 9.30 alle 12.30 “Riforma non autosufficienza – Contenuti e prospettive”, webinar organizzato dalla Scuola
Leggi di più

Decreto legislativo della Legge Anziani, le proposte di Uneba

Uneba mette in campo le competenze dei suoi esperti per la riforma della non autosufficienza. Durante la sua
Leggi di più

Sponsor