Skip to content

Futuro cupo per le Rsa: Uneba Bergamo chiede ascolto a Moratti e Pavesi

Uneba Bergamo chiede un incontro urgente all’assessore al welfare della Regione Lombardia Letizia Moratti e al direttore generale Giovanni Pavesi.
Lo fa appoggiando la richiesta presentata dall’Associazione San Giuseppe e all’Associazione Case di Riposo Bergamasche. L’inconto servirà per illustrare la situazione e cercare, con la Regione Lombardia, soluzioni condivise per le 60 Rsa per anziani della provincia di Bergamo: da un anno affrontano la pandemia, che sulla provincia di Bergamo ha crudelmente infierito.

Il peso delle spese sostenute a causa della pandemia e la grave riduzione delle entrate per le limitazioni all’ingresso di ospiti hanno messo in grave difficoltà i bilanci delle strutture: si rischiano riduzioni di servizio, o perfino chiusure, a tutto danno degli anziani più fragili e delle loro famiglie.
Per sopravvivere salvaguardando la sostenibilità economica, potrebbe essere inevitabile la dolorosa scelta di un aumento delle rette a carico delle famiglie.
Le tre associazioni tra cui Uneba Bergamo hanno presentato la situazione e la propria richiesta di incontro urgente a Moratti e Pavesi in una conferenza stampa lunedì 8 marzo.

E cosa succederà ai posti di lavoro?

“Nelle Rsa della provincia di Bergamo – spiega il presidente di Uneba Bergamo Fabrizio Ondei- sono impegnati quasi 6.000 operatori sanitari, parasanitari e assistenziali.
Quasi tutte le Rsa hanno fatto ricorso massiccio agli ammortizzatori sociali (Fondo Integrazione Salariale, Cassa Integrazione) e interrotto contratti temporanei per tamponare il calo di attività e alla luce del blocco ai licenziamenti ancora in vigore. Diverse Rsa hanno dovuto ricorrere a finanziamenti e mutui per assicurare gli stipendi e la gestione ordinaria, poiché Regione Lombardia si è impegnata a saldare solo entro il 30 giugno 2021 quanto deve per il 2020 !”

Anche sindaci e sindacati intervengono a sostegno delle Rsa.

“Il Consiglio di rappresentanza dei sindaci — si legge in una nota — è molto preoccupato e chiede la massima attenzione e impegno per l’attuale situazione di Rsa e Rsd. (…) Il mancato investimento nelle strutture di cura e assistenza agli anziani ci preoccupa molto come amministratori, perché i costi delle mancate entrate ricadranno sui comuni e sui privati cittadini che vedranno aumentare i costi delle rette per sostenere servizi essenziali quali le Rsa. Chiediamo quindi a Regione Lombardia un intervento mirato e immediato anche attraverso le Ats a sostegno delle Rsa della nostra provincia, la più flagellata della Regione”.

“Le Rsa- scrivono i comunicati i sindacati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil – sono il luogo fisico in cui molte persone fragili e anziane trascorrono la parte finale della loro vita. Strutture solide ed economicamente stabili consentono a queste persone di vivere in luoghi attrezzati, funzionali e spesso belli, usufruendo di cure adeguate. Si ristora qualunque settore produttivo e qualunque categoria professionale e si dimentica il più grande e antico patrimonio di assistenza della nostra comunità . Siamo a fianco delle Rsa contro l’ennesimo esempio di miopia e approssimazione di Regione Lombardia”.

A livello regionale, già a metà febbraio Uneba Lombardia, assieme ad altre associazioni di categoria
e sindacati, aveva rivolto alla Regione un appello ad erogare rapidamente le risorse economiche necessarie per continuare a proteggere i più fragili dal Covid.

Uneba Lombardia quantifica in 200 milioni la perdita del settore Rsa nel 2020 in Lombardia. E nei primi mesi del 2021 continuano a perdere 1 milione e mezzo al giorno nel 2021.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Calabria, ancora zero rimborsi Covid dalla Regione agli enti

La Regione Calabria non ha ancora riconosciuto nessun rimborso alle strutture extraospedaliere per i costi extra sostenuti durante
Leggi di più

Fondazione Girola, 16 milioni di borse di studio dal 1991 a oggi

Centosessanta borse di studio da 4.000 euro ciascuna, per un totale di 640 mila euro. Le ha consegnate
Leggi di più

Regione Umbria – Tariffe per le strutture sanitarie e sociosanitarie

Nuove tariffe per le strutture sanitarie e sociosanitarie di assistenza territoriale in Umbria. Le ha approvate la giunta
Leggi di più

Innovazione e tecnologia nel servizio agli anziani – Bocconi cerca le eccellenze Uneba

Il tuo ente per anziani è un protagonista dell’innovazione? Avete sviluppato una buona pratica in cui la tecnologia
Leggi di più

Emilia Romagna – Vigilanza sulle strutture per anziani e disabili

Regione Emilia Romagna avvia per il 2024  un progetto sperimentale  per implementare la vigilanza sulle strutture per anziani
Leggi di più

Uneba Lombardia: fare cultura sulle cure palliative

“Cure palliative a che punto siamo: cosa ne sanno gli italiani?” è il convegno organizzato da Uneba Lombardia
Leggi di più

Nota Uneba sulla procedura di conciliazione con i sindacati

Si è concluso con un verbale di mancato accordo l’incontro di mercoledì 22 maggio presso il Ministero del
Leggi di più

Ci ha lasciato Giampaolo Manganozzi, già redattore di Nuova Proposta

E’ mancato domenica  19  maggio, all’età di 87 anni, Giovanni Paolo Manganozzi, per tutti Giampaolo, che per tanti
Leggi di più

Sponsor