Skip to content

Sindrome da alienazione genitoriale: che cos’è, che cosa può fare l’operatore.

Oltre novanta persone, cioè tante quante ne poteva ospitare la struttura, per un virtuale “tutto esaurito”, hanno partecipato sabato 8 maggio a Conegliano (Tv) al seminario di studio sulla sindrome da alienazione parentale organizzato dall’associato Uneba Fondazione Figli Maria Antonietta Bernardi, comunità d’accoglienza per minori.

Mettiamo a disposizione qui sotto, oppure trovate qui, l’intervento del neuropsichiatra infantile veneziano Lodovico Perulli, dedicato alla sindrome da alienazione genitoriale (PAS), che si verifica a quando il bambino con genitori separati rifiuta categoricamente il soggiorno presso uno dei due genitori. Si parla di PAS però in base a precisi criteri clinici: il semplice verificarsi della situazione non è sufficiente.

 Le cinquantotto slide presentano:

  • Origine della nozione di sindrome da alienazione genitoriale:
  • Chi causa il rifiuto di uno dei due genitori: il genitore che viene rifiutato dal bambino, l’altro genitore, il bambino stesso? In che modo?
  • Le possibili, e quasi sempre multiple, cause del rifiuto
  • Gli effetti psicologici sul bambino
  • Cosa possono fare gli operatori: la presa in carico multidisciplinare
  • Alcuni consigli per gli operatori

Trovate qui, inoltre, un documento di sintesi su che cos’è la PAS, come si manifesta in forme lievi moderate e gravi, quali nei vari casi gli approcci psicoterapeutici; ma le otto pagine trattano anche di come situazioni legate a questa sindrome impattano sulla realtà giuridica italiana: dalle norme sull’affidamento condiviso, che possono generare terreno (purtroppo!) fertile per la sindrome alle poche pronunce giurisprudenziali in materia. Il documento è a cura della volontaria di Fondazione Bernardi Martina Prevedello.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

HAI DOMANDE O DUBBI?

I commenti dei lettori sono benvenuti. Dopo un rapido controllo, li pubblicheremo tutti, tranne quelli che contengono insulti o non hanno a che fare con Uneba. Uneba non può prendersi l’impegno di rispondere a tutti i commenti.

Agli enti in regola con la quota di adesione all’Uneba offriamo un servizio di assistenza gratuita sull’applicazione del contratto Uneba: è necessario inviare il proprio quesito a sail@uneba.org. Come da Regolamento Uneba, non sarà data risposta a quesiti provenienti da singoli lavoratori.

Potrebbe interessarti

Veneto – Accreditamento strutture sociosanitarie, avviso straordinario

Regione Veneto apre una procedura straordinaria di accreditamento per le strutture sociosanitarie: per il rilascio  a soggetti non
Leggi di più

Papa Francesco: non abbandonate gli anziani!

“Nella vecchiaia non abbandonarmi” è il tema della IV Giornata mondiale dei nonni e degli anziani che la
Leggi di più

Master per manager del sociosanitario con Uneba Veneto e Univr

Master di primo livello in management dei servizi sociosanitari di Università di Verona e Uneba Veneto: al via
Leggi di più

Disturbi neurocognitivi, convegno Oic e Uneba Veneto

Costruire una buona prassi nella presa in carico dei disturbi cognitivi che sia condivisa tra tutti i servizi
Leggi di più

Anziani, cura, valori – Convegno Uneba a S.Giovanni Lupatoto, Verona

“Valori e valore nella cura della persona anziana – Etica e sostenibilità dei servizi, strategie di innovazione e
Leggi di più

Combinare sapore e benessere: la cucina per anziani alla Provvidenza

Mangiare bene è stare bene, la qualità dei pasti è qualità della vita. Il servizio di cucina è
Leggi di più

FVG – Retta Rsa, il contributo regionale salirà a 23,5 euro

Rette Rsa in Friuli Venezia Giulia, aumenta di 2 euro al giorno il contributo regionale per l’abbattimento della
Leggi di più

Crotone: gli enti Uneba garantiscono l’Adi, la Asp non li paga

Il servizio Adi (Assistenza domiciliare integrata) nella provincia di Crotone è vicino all’obiettivo del Pnrr di garantire prestazioni
Leggi di più

Sponsor

zucchetti health care