La Cgil – Funzione Pubblica ha proclamato uno sciopero nazionale settoriale per venerdì 25 marzo 2011 per l’intera giornata o turno di lavoro.

Lo sciopero è motivato come segue:

  • Vertenza per i rinnovi contrattuali nazionali
  • Per una nuova politica di welfare
  • Per la riorganizzazione e la riqualificazione dei servizi pubblici
  • Contro le espulsioni dal lavoro del personale precario

La CGIL – Fp ha dichiarato la volontà di riconoscere i servizi essenziali.

Ricordiamo agli Associati che lo sciopero dovrà essere proclamato anche ad ogni singolo Ente con almeno 10 giorni di anticipo, come previsto dalla L.12.06.90 n.146. Quanto sopra è condizione indispensabile per la predisposizione dei servizi essenziali, che sono quelli previsti dalla contrattazione collettiva (CCNL Uneba art. 6).

Inoltre, gli Enti sono anche tenuti ad informare gli ospiti circa i servizi che saranno disponibili in coincidenza con lo sciopero e le modalità per la loro fruizione, con un preavviso minimo di cinque giorni.

Sottolineiamo anche che la mancata informazione agli ospiti espone l’Ente a sanzioni amministrative, mentre la cessazione del servizio a causa di sciopero senza la predisposizione dei servizi essenziali espone l’Ente ad azione risarcitoria in caso di pregiudizio all’utenza.