“E’ necessario un salto di qualità nei servizi per anziani, ma va elaborato a partire dai bisogni degli anziani, non da quanto offre il mercato.

Ci sono già delle buone pratiche, non si parte da zero.”

Lo ha ribadito il presidente nazionale Uneba Franco Massi al convegno “Riforma delle Rsa – Per un profondo cambiamento culturale” organizzato da Anaste per venerdì 18 dicembre a Roma, a cui hanno partecipato deputati e senatori, associazioni  di categoria come Uneba, e la commissione per la riforma dell’assistenza sanitaria e sociosanitaria della popolazione anziana, presieduta da mons.Vincenzo Paglia.

Massi ha difeso l’operato delle Rsa dalla criminalizzazione, “Sono di più gli anziani i morti in casa, senza neppure assistenza del medico di base – ha detto al convegno, che i decessi nelle Rsa, dove invece gli anziani hanno pure ricevuto cure aggiuntive.

Le Rsa in molti casi hanno supplito molte volte alla carenze degli ospedali, e hanno dovuto fare fronte alle carenze di territori in cui l’assistenza domiciliare non esiste. Ed oltretutto gli enti si sono indebitati per far fronte alle urgenze”.

Ascolta l’intervento di Massi

Guarda l’intero convegno.