Verona Settegiorni, 16 aprile 2o19

Casa di riposo Morelli Bugna di Villafranca ecco i nuovi consiglieri. Surrogati i dimissionari Davide Tumicelli e Sara Olivieri.
Casa di riposo Morelli Bugna di Villafranca ecco i nuovi consiglieri
Il sindaco di Villafranca, Roberto Dall’Oca, ha provveduto a nominare i due nuovi consiglieri che andranno a completare il Cda dell’Ipab Morelli Bugna. L’art. 10, comma 1 dello statuto prevede infatti che i cinque componenti del Consiglio di Amministrazione vengano nominati dal Comune di Villafranca nel rispetto della normativa sulle incapacità ed incompatibilità e restino in carica per la durata di 5 anni dal provvedimento iniziale di nomina del medesimo consiglio.
Surrogati Tumicelli e Olivieri
Davide Tumicelli e Sara Olivieri hanno rassegnato le dimissioni da componenti del Consiglio di Amministrazione e che pertanto si rendeva dunque necessaria la sostituzione per il periodo necessario a garantire il funzionamento del Consiglio fino alla sua scadenza naturale. Al Comune sono pervenute solo due candidature: esaminati i curricula presentati e tenuto conto che la nomina ha natura fiduciaria sono stati nominati Flavio Bertaiola e Renzo Alfredo Ferraro.
La soddisfazione di Villafranca Domani
Flavio Bertaiola era stato candidato alle ultime amministrative nelle fila della lista Villafranca Domani, a sostegno dell’attuale sindaco. Bertaiola era risultato nell’ultima tornata elettorale il primo dei non eletti dopo l’attuale consigliere in quota alla lista Vincenzo Tedesco. Dipendente Unicredit, era stato fortemente voluto in lista da Francesco Bitto personaggio di rilievo del mondo del volontariato scaligero, in questo caso “prestato” alla politica, che ha coordinato la composizione e la presentazione della civica Villafranca Domani, perché proprio il Bertaiola viene dal mondo del volontariato in quanto presidente provinciale di ASFA donatori di Sangue. Sentito Francesco Bitto ha dichiarato: “Siamo molto soddisfatti della scelta operata in quest’ambito dal Sindaco Dall’Oca essenzialmente per due motivi: il primo perché con la nomina dell’amico Flavio si è dato spazio al profilo umano e professionale di rilievo vista l’esperienza acquisita negli anni in ambito amministrativo e organizzativo da Bertaiola, e in seconda battuta perché si è dato merito ad una lista civica che ha creduto in un progetto e ha dato un forte contributo al consolidamento della maggioranza”.