Gente Veneta, 3 maggio 2019

Consegnate oggi dall’Istituzione veneziana Servizi sociali alla persona 66 borse di studio a studenti delle scuole medie e superiori.
La cerimonia si è tenuta in sala San Leonardo a Venezia, presenti l’assessore comunale alla Coesione sociale Simone Venturini, il presidente dell’Ente, Luca Segalin, il vicepresidente Valter Rosato, il segretario direttore Gian Luigi Penzo e la consigliera del Cda Sandra Licciardi, oltre che il presidente dell’Ire (Istituzioni di ricovero e di educazione) Luigi Polesel.
«Questa giornata è la dimostrazione concreta di un’attenzione importante nel futuro», afferma Venturini. «Investire risorse per la formazione dei giovani, come fa con impegno questo Ente, vuol dire credere in loro. Voglio porre l’accento – continua l’assessore – non solo sull’impegno e i sacrifici che avete messo per raggiungere questi obiettivi, ma anche sulle molteplici attività dell’Istituzione Veneziana nel territorio. La fondazione è un’Ipab, realtà nate con l’obiettivo di occuparsi del territorio prendendosi cura degli anziani, dei giovani e degli studenti meritevoli. Dopo le difficoltà del passato abbiamo voluto lavorare di squadra, mettendo a sistema le diverse Ipab razionalizzando e spendendo meglio le risorse a disposizione. Oggi infatti Comune, Istituzione Veneziana e Ire si muovono tutte nella stessa direzione. Perché l’impegno più importante di un politico – ha concluso l’assessore – deve essere quello di ridurre il debito che grava sulle nuove generazioni senza tagliare i servizi. A Venezia all’inizio della nostra Amministrazione abbiamo trovato un disavanzo di 800 milioni di euro, ora è stato ridotto a 750. Chiediamo a voi giovani di seguirci in questo percorso, continuando a dimostrarvi cittadini protagonisti e studenti meritevoli. Con l’auspicio che diventiate anche adulti consapevoli per impegnarvi e ottenere i diritti che vi spettano».
Le borse di studio, intitolate alla “Fondazione Antonio Canova”, sono rivolte a giovani del territorio metropolitano veneziano appartenenti a famiglie in condizioni economiche disagiate e avviati con profitto nel loro corso di studi. La fondazione, infatti, trae origine dalle disposizioni testamentarie del benefattore Antonio Canova, il quale dispose che i proventi derivanti dagli affitti e locazioni del patrimonio immobiliare dell’Istituzione Veneziana (servizi sociali alla persona) fossero destinati a borse di studio annuali per aiutare studenti veneziani (del capoluogo e di tutto il territorio metropolitano) meritevoli.