Il Gazzettino, 2 giugno 2019

VAZZOLA La casa di soggiorno fratelli Eliseo e Pietro Mozzetti ha superato con una percentuale appena al di sopra della sufficienza la verifica della Regione, la quale ha indicato la riserva sulla conferma dell’accreditamento con ulteriore verifica a tre mesi. La delibera con cui la Regione verifica l’accreditamento istituzionale delle strutture che offrono servizi socio sanitari nell’area anziani e disabili è del 22 febbraio scorso. In base a quanto fanno sapere dalla struttura, la valutazione di 62,6% è dovuta a motivi burocratici, in particolare alla mancanza di alcuni documenti, e non è riferita ai servizi. Nel frattempo, a fine aprile, l’Usl 2 ha proceduto con la verifica e la casa di riposo è in attesa dell’esito.La Mozzetti è una struttura che accoglie anziani non autosufficienti e conta 101 posti accreditati. Dal 2005 l’ente cura il servizio di assistenza domiciliare per conto del comune di Vazzola. È stato questo il primo, ma significativo, segno dell’apertura della casa al territorio e ai nuovi bisogni emergenti della popolazione anziana. Nel 2007 è stato completato il collegamento tra la villa storica dei Mozzetti e il resto della struttura, con l’ampliamento del salone al piano terra e la creazione di alcuni spazi di soggiorno per gli utenti ai piani superiori. Nel 2009, la ricerca continua di una sempre migliore qualità di vita in risposta alle mutate esigenze degli anziani del territorio, ha comportato importanti cambiamenti nell’organizzazione, nella struttura e nell’immagine esterna della casa. La riorganizzazione dei servizi per nuclei ha determinato la creazione di cinque nuclei: giallo, arancione, rosa, azzurro e verde, ciascuno dotato di propri spazi comuni (sala da pranzo, soggiorno, ambulatorio, eccetera).Nel 2012, a seguito dei lavori di ampliamento e ristrutturazione della Casa, è stato attivato un nuovo centro diurno capace di ospitare fino a venti anziani non autosufficienti nonché l’aumento della capacità ricettiva di 13 posti letto. Il prossimo anno è previsto il rinnovo del consiglio di amministrazione.