Il Corriere delle Alpi, 14 gennaio 2015

BELLUNO I giochi sono quasi fatti. Tanto che nei prossimi giorni, al massimo la settimana prossima, il direttore generale dell’Usl 1, Adriano Rasi Caldogno ufficializzerà le nomine dei suoi collaboratori più stretti. Martedì i direttori generali sono stati convocati a Venezia, per una consultazione con il governatore Zaia sui nomi dei nuovi direttori. Da indiscrezioni, per quanto riguarda l’azienda sanitaria di Belluno, pare che il cambio ai vertici sarà totale. Quindi, via i direttori sanitario Tiziano Martello, amministrativo Francesco Favretti e quello del sociale Carlo Stecchini, che probabilmente riceveranno qualche incarico verso l’area padovana. Al loro posto i colleghi che a oggi stanno operando all’Usl 2 di Feltre: alla direzione sanitaria dovrebbe arrivare Giovanni Maria Pittoni, mentre l’area amministrativa sarà affidata a Rosanna Zatta. Qualche dubbio in più per quanto riguarda il sociale: alla fine, l’incarico potrebbe andare all’ex direttore generale dell’Usl 7 di Pieve di Soligo, Gian Antonio Dei Tos. Rasi Caldogno, quindi, ha voluto premiare i suoi collaboratori all’Usl feltrina, portandoli a Belluno, in quella che dovrebbe diventare la sede unica dell’azienda sanitaria provinciale. Per quanto riguarda la sede di Feltre, invece, da indiscrezioni confermerebbero la direzione del sociale all’attuale direttore Mario Modolo, mentre tutto è ancora in alto mare per la dirigenza sanitaria e amministrativa. Un nuovo incarico, invece, pare attendere l’ex dg di Feltre, Bortolo Simoni, che dovrebbe andare all’Usl di Bassano del Grappa per dirigere il settore sanitario. A dire la verità Simoni avrebbe ricevuto diverse proposte in questi giorni, ma alla fine dovrebbe aver scelto l’azienda bassanese diretta da Giorgio Roberti, ex dg dell’Usl 9 di Treviso.